Per chi vuol pregare torna la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani

che affronterà anche questo argomento, INSIEME PER DIFENDERE LA DIGNITA’ DELLA PERSONA

Per chi vuol pregare torna la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani

Per chi vuol pregare torna la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani

ASSISI – Anche quest’anno dal 18 al 25 gennaio si celebrerà in Assisi la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani organizzata dall’ufficio diocesano per l’ecumenismo e il dialogo che ha organizzato i diversi momenti. Si punterà l’attenzione sulle situazioni nel mondo in cui la dignità della persona è a rischio o negata. “Potente è la tua mano, Signore” è il tema, frammento del grande canto di lode a Dio innalzato da Mosè dopo il passaggio del mare e l’uscita dall’Egitto. Alle chiese dei Caraibi è stato chiesto di redigere il sussidio, elaborato da un gruppo ecumenico locale. Nell’introduzione teologico-pastorale si legge come, profondamente segnate dal progetto disumanizzante di sfruttamento coloniale, ancora oggi tante nazioni di questa regione vivano in condizioni di debito e povertà da cui sembra impossibile possano uscire. Problemi sociali gravi correlati a nuove forme di schiavitù che minacciano la dignità della persona.

Anche quest’anno dal 18 al 25 gennaio si celebrerà in Assisi la Settimana di preghiera

Ma “la mano di Dio che condusse il popolo fuori dalla schiavitù, dando continua speranza e coraggio agli Israeliti, continua a infondere speranza ai cristiani dei Caraibi” e le loro chiese locali testimoniano questa comune speranza lavorando insieme nel servizio alle popolazioni della regione, in particolare nel servizio ai più vulnerabili e negletti. “Grazie ai testi e alle riflessioni proposte – in questa Settimana – sottolinea Marina Zola responsabile dell’ufficio – potremo non solo unirci in preghiera, ma riflettere e ricercare come incarnare nel nostro qui e ora questa Parola, in una testimonianza concreta ed efficace. ‘Potente è la tua mano, Signore!’.

Questo frammento esprime con forza anche la nostra fede nella potenza di Dio e nel suo amore per il suo popolo, ancora diviso. Incoraggiati dal percorso finora compiuto, possiamo chiedere a lui, uniti nel nome di Gesù, la grazia dell’unità, impegnandoci ogni giorno in un cammino di dialogo, solidarietà, preghiera e accoglienza reciproca”. Qui di seguito il calendario degli appuntamenti:

–          Giovedì 18 gennaio alle ore 20:45 nella Basilica di San Francesco, con la presenza della comunità ortodossa romena di Perugia

–          Venerdì 19 gennaio alle ore 20:45 nella Chiesa di San Masseo – Monastero di Bose

–          Sabato 20 gennaio alle ore 21:15 nella Basilica di Santa Maria degli Angeli

–          Domenica 21 gennaio alle ore 17:30 nella Basilica di Santa Chiara

–          Lunedì 22 gennaio alle ore 20:45 nel Santuario della Spogliazione

–          Martedì 23 gennaio alle ore 20:45 nella Chiesa di Santa Maria sopra Minerva

–          Mercoledì 24 gennaio alle ore 20:45 nella Chiesa di San Leonardo, a cura del cappellano anglicano reverendo padre Tim

–          Giovedì 25 gennaio alle ore 20:45 nella cattedrale di San Rufino

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*