Cittadinanza onoraria Cantori di Assisi, lo chiede Travicelli

Festa di Santa Cecilia, il tradizionale concerto del Coro Cantori di Assisi

Cittadinanza onoraria Cantori di Assisi, lo chiede Travicelli
Bella idea di Claudia Travicelli che scrive al sindaco Antonio Lunghi

I Cantori di Assisi“, costituitesi nel 1960 e riconosciuti ufficialmente con Statuto proprio nel 1964, sono un gruppo che con amore e passione si sono uniti per la musica, tenendo conto delle antiche tradizione che risalgono a San Francesco. L’idea di quel coro,che con P.Evangelista Nicolini, sin dagli inizi si è dato come obbiettivo primario l’andare per i vari luoghi del mondo a cantare le lodi di Dio, come quel voler continuare sui passi e sulle idee amate da San Francesco.Cantori,quel coro come tanti frati “quasi iaculatores Domini”, come eterni giullari del Signore. I Cantori di Assisi, hanno ereditato quei sacri ed importanti  sentimenti dei tanti coristi delle antiche basiliche assisane e insieme riportano ai giorni nostri,lo spirito allegro di quei canterini delle tante brigate del Calendimaggio.

In tutti questi anni i Cantori, grazie anche alla collaborazione e l’impegno di valenti maestri, hanno raggiunto grandi traguardi, si sono esibiti in importanti rassegne, concorsi,in tanti concerti e in varie registrazioni.
Tutti i componenti,sempre spinti dall’amore e dal sentimento sincero per il canto,si sono dedicati negli anni,da prima allo studio capillare di un repertorio di musica a cappella e concertante con l’organo (organista P.Alberto Cerroni),che spazia dal canto gregoriano,fino a giungere alle musiche rinascimentali, barocca e ancor più moderna, al folklore umbro, italiano e straniero, fino ai negro-spiritual,ne ricordiamo anche i concerti polifonici, i tanti concorsi nazionali ed internazionali (quali quelli di Arezzo, Roma, Fano, Ravenna, Gorizia, Montreaux, Llangollen, Pech ecc.), le tanto amate riprese radiofoniche, televisive ed incisioni discografiche presenti in Italia e all’Estero,senza dimenticare il loro assiduo lavoro e cura per il perfezionamento vocale e stilistico.

Solo spinti da un grande amore e da una forte passione,i coristi hanno iniziato questo lungo cammino,che li ha visti portare la voce di Assisi e il nome di tutta la città non solo   in Umbria,ma in Italia, in Europa e in continenti quali l’Africa, l’America, l’Australia. Per esibirsi davanti ad un attento pubblico,il coro è giunto persino in estremo Oriente,dove ha cantato nelle più importanti città del Giappone, dove in numerosissimi hanno assistito con grande entusiasmo al messaggio profondo di quel “Vento d’oro dell’Umbria”, come  furono definiti i “cantori” dai tanti Giapponesi.Ai Cantori di Assisi resta sempre nel cuore,in ogni luogo essi si esibiscano, quei ricordi,quei momenti e quella voglia di incontrare e di unire tutti con quel canto proveniente dalla nostra Assisi.Per quanto sopra citato e con molte altre motivazioni,che spero unanimemente potremo formalizzare in un documento comune,sono a CHIEDERE in qualità di Capogruppo-Consigliere Comunale della città di Assisi la “CITTADINANZA ONORARIA” per I CANTORI DI ASSISI.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*