Riverock Festival 2016 a Castelnuovo di Assisi, presentato da Guarducci

Il cartellone di questa edizione presenterà le migliori realtà emergenti regionali

Riverock Festival 2016 a Castelnuovo di Assisi, presentato da Guarducci  Dal 25 al 28 agosto il Festival che chiude la stagione estiva musicale umbra Riverock Festival 2016 Torna con la settima edizione Riverock Festival: Motta, Marta sui Tubi, Marlene Kuntz i nomi di spicco di una quattro giorni all’insegna della musica alternativa italiana. L’associazione Culturale Riverock è vicina alle popolazioni colpite dal sisma della scorsa notte e, fermamente convinta che in questi casi “una musica può fare”, comunica che all’interno dell’area del festival e per tutta la sua durata, saranno attivati dei punti di raccolta fondi da destinare come aiuto, piccolo ma concreto, per superare questi difficili momenti.

Immancabile a chiudere la stagione estiva della musica indipendente italiana torna il Riverock Festival, arrivato alla sua settima edizione. Appuntamento, entrato di diritto, tra quelli imperdibili e più seguiti si svolgerà dal 25 al 28 agosto, nell’ormai consueta location di Castelnuovo di Assisi.

La quattro giorni, realizzata in collaborazione con il Comune di Assisi, Assessorato alla Cultura e la Pro Loco di Castelnuovo, è organizzata dall’Associazione Culturale Riverock, attiva nel campo della promozione musicale e culturale ormai da 7 anni, con all’attivo più di 200 tra live e serate organizzate in tutta la Regione. Il cartellone di questa edizione è orientato, come da tradizione, nel presentare le migliori realtà emergenti regionali accanto a quello che di meglio può offrire, attualmente, la scena alternativa italiana. La serata di apertura, il 25 agosto ad ingresso gratuito, vedrà come headliner l’esibizione di Francesco Motta.

Il cantautore toscano, già frontman dei Criminal Jokers, ha attirato su di se l’attenzione prima della stampa, poi del grande pubblico e, recentemente, quello di Caterina Caselli che lo ha fortemente voluto in casa Sugar Music (Negramaro, Elisa, ecc…). A Castelnuovo per presentare il suo primo disco da solista, “La Fine dei Vent’anni”, ritenuto dalla critica uno dei dischi italiani più belli del 2016 e il suo live è tra i più attesi della manifestazione.

Ad anticipare la sua esibizione due delle artiste più giovani ed interessanti della scena italiana, con uno stuolo di consensi ed apprezzamenti sempre maggiore. La prima Birthh, che a soli 19 anni ha stupito tutti con un disco d’esordio bellissimo che l’ha vista accostata a progetti come Daughter o Alt-J; dalla Valtellina Giorgieness, classe 1991, artista del mese per MTV New Generation ed un live che è energia allo stato puro.

L’onere e l’onore di aprire la prima giornata sarà affidato ad un gruppo emergente locale, i Miptera, prima vera esperienza su un grande palco ma con una maturità musicale che può fare invidia a tanti gruppi più navigati. Per quanto riguarda i dj set della prima giornata, l’aperitivo sarà affidato ad Emiliano Pinacoli, con una selezione di soli vinili che spazierà nel mondo della New Wave, dal glam degli anni ‘80 al synth pop, mentre a chiudere la serata ci sarà Zero Call, l’artista compositore gualdese che con il suo ultimo lavoro, “Soft Power”, si sta facendo conoscere in tutta Europa.

Nella seconda serata, il 26 agosto (ingresso a pagamento 10€), tornerà in Umbria uno dei gruppi più amanti dal pubblico: Marta sui Tubi. Con all’attivo 6 dischi, un numero incalcolabile di live sparsi per tutta Italia, porteranno il loro ultimo lavoro, prodotto con una campagna di crowdfunding che ha coinvolto più di 400 fan e raccolto oltre 20.000 €. A Castelnuovo si presenteranno in trio, nella loro “storica” formazione.

Prima dei Marta saliranno sul palco: L’Orso, con il loro ultimo lavoro “Un luogo sicuro” , uscito pochi mesi fa su etichetta Garrincha (Lo Stato Sociale) e il frizzante quartetto brasiliano, ma ormai italianissimo, dei Selton, reduci dall’esperienza su MTV, con Fabio Volo e dal successo del video del loro ultimo singolo, che in soli due mesi ha ottenuto più di 170.000 visualizzazioni. Il gruppo emergente umbro che aprirà le esibizioni sul palco saranno i Diraq, nella loro inedita formazione. Dal lato dj set si partirà, con l’aperitivo di Riverock Soundsystem, mentre chiuderà la serata una vera e propria istituzione come Franco B.

La terza serata, il 27 agosto (ingresso a pagamento 13 €), salirà sul palco uno dei gruppi più attesi di questa edizione, i Marlene Kuntz nella loro UNICA DATA IN UMBRIA. Per loro ogni parola è superflua perché rappresentano semplicemente la storia del rock italiano da oltre 25 anni. 10 dischi all’attivo, collaborazioni da urlo (Skin, Patti Smith, Nick Cave solo per citarne alcuni), una partecipazione al Festival di Sanremo ed un seguito, che ormai, abbraccia più di una generazione.

Senza dubbio l’evento di Riverock Festival 2016. Prima di loro, troviamo di nuovo due ragazze, talenti che stanno scalando le classifiche di apprezzamento di questo 2016: l’elegantissima e talentuosa Tight Eye, con la sua musica calda e avvolgente e Giungla, una one-woman-band inserita da GQ Italia tra “10 ragazze italiane che fanno musica bella, da ascoltare assolutamente”.

Ad aprire i live il vincitore del Riverock Contest 2016, il Taffo, cantautore tifernate alla sua prima comparsa su un grande palco. Il dj set dell’aperitivo sarà affidato sempre ai resident Riverock Soundsystem ed a chiudere la terza serata il dj set di Luca Benni, patron dell’etichetta umbra To Lose La Track. La serata di chiusura, il 28 agosto (ingresso gratuito) sarà una serata del tutto particolare dedicata interamente alla musica emergente umbra, ai Beatles ed al 1966: sul palco infatti si avvicenderanno Anonima Noire, Orchestrina Tirabusson e i vincitori di Arezzo Wave Umbria, I Cieli di Turner che, oltre a proporre il proprio repertorio, renderanno omaggio al capolavoro dei Beatles “Revolver”, uscito proprio 50 anni fa, reinterpretando a modo loro alcuni dei capolavori della coppia Lennon-McCartney presenti nel disco.

Ad aprire la serata un dj set altrettanto particolare: “Pezzi da 66” è una selezione di 50 minuti di canzoni scritte o uscite esclusivamente, per l’appunto, nel 1966 anno di uscita del già citato Revolver…ma anche di Cuore Matto.

A chiudere la serata (e l’edizione 2017 di Riverock Festival) ci penserà il sound più moderno e sintetico di Kiko Vega. Tutte le sere l’ingresso per gli aftershow, dopo i concerti sarà rigorosamente gratuito. Oltre alla musica, come di consueto, ci sarà spazio per mostre artistiche, un mercatino di artigianato ed un vero e proprio ristorante pronto a servire, dalle 19.00 fino a tarda notte, alcuni dei migliori piatti del panorama “street food”.

PROGRAMMA COMPLETO

GIOVEDÌ 25 AGOSTO
Happy hour: Emiliano Pinnacoli Vinyl Session – Miptera – Birthh – Giorgieness – Motta – Aftershow: Zero Call

VENERDÌ 26 AGOSTO
Happy hour: Riverock Soundsystem – Diraq – L’Orso – Selton – Marta sui Tubi – Aftershow: Franco B SABATO 27 AGOSTO – Happy hour: Riverock Soundsystem – Il Taffo – Birthh – Giungla – Marlene Kuntz – Aftershow: Luca Benni / To Lose La Track

DOMENICA 28 AGOSTO
Happy Hour: Pezzi da ‘66 – Anonima Noire – Orchestrina Tirabusson – I Cieli di Turner – Aftershow: Kiko Vega

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*