Teatro Sacro ad Assisi, al via convegno e primo spettacolo

la sera i “Giullari che fecero sorridere Dio” alle 21 Sagrato di San Pietro

Teatro Sacro ad Assisi, al via convegno e primo spettacolo
Teatro sacro Assisi prove

Teatro Sacro ad Assisi, al via convegno e primo spettacolo

ASSISI – Si apre domani, venerdì 8 settembre 2017 alle ore 15 a palazzo Bernabei ad Assisi, il seminario dal titolo “Teatro Sacro, pratiche di dialogo tra religione e spettacolo”. L’iniziativa, organizzata dalla Accademia Properziana del Subasio e dall’Università di Perugia, è sostenuta dal Comune di Assisi e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia. Taglio del nastro alle ore 15, con il saluto delle autorità, e poi via ai lavori.

«Spunti di riflessione storiografica sul rapporto tra religione e spettacolo – scrive Alessandro Tinterri, direttore scientifico del simposio -, inteso nell’accezione più vasta, sino a comprendere elementi performativi presenti nel canone liturgico».

E sarà questo il filo rosso che terrà insieme le tre giornate di studio. Il seminario proseguirà fino a domenica. Domani, per la prima seduta presieduta da Stefano Brufani, la relazione “Il Canone passionale” di Assisi e i riti figurati della Settimana Santa. Al tavolo, in qualità di relatrice, Mara Nerbano, del conservatorio di Firenze.

A seguire, “Jeu d’Adam” in scena: spie paleografiche dell’arte della recitazione. E sarà Sonia Maura Barilari, Università di Genova,  la protagonista del tavolo dei relatori. Sarà poi la volta di Francesc Massip Bonet (Università Rovira i Virgili, Tarragona), con “L’Assunta nella scena teatrale ispanica”.

Carla Maria Bino, della Cattolica di Milano, concentrerà il suo focus su “Le lectiones latine del codice Illuminati e il Planctus Magistrae Doloris”.

La sera, al termine dei lavori del convengo, Teatro Sacro si sposterà sul sagrato dell’Abbazia di San PietroIl primo dei tre spettacoli sarà “I giullari che fecero sorridere Dio, Laudi francescane tra musica e parola”. «Quattro musicisti, un attore ed un’attrice – spiega Fulvia Angeletti del Piccolo Teatro degli Instabili – si immergono nella poeticità trasparente delle laudi francescane.

Nel tentativo di fondersi, attraverso la musica e la recitazione e ciascuno con il proprio strumento, in un’unica orchestra che celebri e narri la storia di Dio e, per riflesso, la storia di Francesco, il menestrello che a Dio dedicò la propria esistenza terrena».

Lo spettacolo di teatro e musica “I giullari che fecero sorridere Dio” germoglia sul progetto musicale “Joculatores Domini” firmato da Francesco Zimei per l’Ensemble Micrologus procedendo nello stesso intento poetico ovvero coinvolgendo il pubblico attraverso suoni ed immagini per condurlo nell’universo letterario e musicale della predicazione nel francescanesimo delle origini.

L’esplorazione del ruolo dello Ioculator Domini è stata supportata da improvvisazioni vocali e mimiche che non miravano tanto ad una ricostruzione storica quanto alla scoperta delle numerose stratificazioni e risorse che offre la comunicazione quando ha come unica fonte la spiritualità, e come unico obiettivo la divulgazione di un messaggio divino.

Nata ed evoluta negli spazi del Piccolo Teatro degli Instabili di Assisi, la rappresentazione alterna le laudi cantate e musicate dai Micrologus ad altre laudi interpretate dalle sole voci degli attori.

La rappresentazione dell’opera, che è stata resa possibile, grazie alla organizzazione di Fulvia Angeletti del Piccolo Teatro degli Instabili di Assisi, comincerà alle 21.

Goffredo Degli Esposti, flauti, ciaramella, zampogna Gabriele Russo, viella, ribeca, buccina Enea Sorini, canto e percussioni Raffaello Simeoni, canto, liuto, corno Corinna Lo Castro, attrice e regista Ludovico Marcucci, attore Con la partecipazione degli Allievi dei Laboratori di Recitazione del Piccolo Teatro degli Instabili: Stefano Magherini, Diego Tardioli.
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*