L’ex Assessore alla Cultura Serena Morosi dice la sua su Primo piano sull’Autore

"La Rassegna avrebbe necessitato valorizzazione e rinnovato impulso, non di essere bruscamente interrotta"

Giuseppe Tornatore al Teatro Metastasio per Primo Piano sull'Autore
Giuseppe Tornatore al Teatro Metastasio per Primo Piano sull'Autore

L’ex Assessore alla Cultura Serena Morosi dice la sua su Primo piano sull’Autore

 da Serena Morosi 

A seguito delle dichiarazioni del Patron Mariotti, Serena Morosi interviene al riguardo:

“Pur essendo promossa dall’Associazione Culturale Amarcord e curata in Collaborazione con l’Ufficio Turismo, ho avuto il privilegio di seguire da vicino la XXXIII Edizione di “Primo piano sull’Autore“, che ha incorniciato l’Opera di uno dei più grandi maestri del Cinema d’Autore contemporaneo, il pluripremiato regista, sceneggiatore, produttore  Giuseppe Tornatore. Sconcerta la supponenza con cui si esprimono valutazioni e si avanzano proposte di “snaturare” un format, senza nemmeno aver direttamente dedicato tempo ed impegno a seguirne un’edizione! Ricordo che film e cortometraggi a Santa Maria degli Angeli, nei 5 giorni di proiezione, hanno avuto una presenza di circa 400 persone; al Cinema Metastasio gli spettatori furono oltre 1000; molte le attività ricettive coinvolte (Dimore San Crispino, Hotel Priori, Hotel Belvedere, Hotel Roma, Hotel Del Viaggiatore, Hotel Giotto, Hotel Fontebella, Hotel Umbra, Hotel San Rufino, Hotel Posta, Camere Pecetta, Camere Mariani Marini, Camere Martino), in un periodo che tutti gli Assisani osano definire “morto”, creando così un ritorno economico e d’immagine per Assisi e per molti commercianti, non trascurabile.

Attraverso poi la grande sensibilità della nuova amministrazione, nell’anno della XXV Edizione del Premio “ScriverediCinema” si sarebbe potuti arrivare ad intitolare una Via della Città di Assisi a Domenico Meccoli, assisano, grande operatore culturale, fondatore del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, direttore della Biennale di Venezia, critico cinematografico e storico del cinema, sceneggiatore, attore, inviato di Epoca a Parigi, ancora oggi figura importante per quanti intraprendono il lavoro di regista, sceneggiatore o critico cinematografico.

Certamente la Rassegna avrebbe necessitato valorizzazione e rinnovato impulso, non di essere bruscamente interrotta

Avrebbero dovuto essere potenziati il coinvolgimento della comunità locale ed extra-comunale, la comunicazione, e questo è quanto ci si sarebbe aspettato da competenti Amministratori 2.0!!!

Riconfermare il contributo assegnato dalla “vecchia” amministrazione, che aveva approvato un bilancio puramente “tecnico”, è stato come dire “andate a promuovere la Rassegna altrove”!

A questo punto chiediamo: l’Assessore alle Politiche Scolastiche? E’ consapevole del fatto che la Rassegna aveva il merito di contribuire alla crescita culturale ed umana delle giovani generazioni? Primo Piano sull’Autore ha infatti sempre offerto spunti di riflessione su argomenti e valori di cui la Nostra Città è interprete e portavoce (impegno nel sociale, denuncia della violenza, emarginazione, guerra e ingiustizie).

Nelle scuole secondarie gli Insegnanti educano all’immagine sviluppando negli Studenti un atteggiamento critico nei confronti di un linguaggio ormai parte integrante della nostra cultura, e in questo traguardo “Primo Piano sull’Autore” rappresentava un’importantissima opportunità. Tutto questo non mi sembra poco! Ma ahinoi non conoscere in modo approfondito il mondo della scuola o non avere alcun legame con il territorio che si intende governare conduce anche a questo!!!

Interprete e portavoce del pensiero di molti Cittadini che non compiono il plateale gesto di strapparsi i capelli in Piazza del Comune, farsi un selfie e ricevere l’apprezzamento degli Amministratori – conclude Serena Morosi – dopo aver ricevuto un sarcastico tweet di “benvenuto” dall’Assessore alla Cultura, con assoluta indifferenza resto in attesa del giudizio sulla copiosità / qualità di questo mio “gesto” per ciò che riguarda la Rassegna”.


Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*