Ai domiciliari ospita in casa un pregiudicato, beccato dai carabinieri di Assisi

I cani dell’arrestato hanno trovato un’idonea collocazione grazie all’interessamento della locale ASL.

Ai domiciliari ospita in casa un pregiudicato, beccato dai carabinieri di Assisi

Ai domiciliari ospita in casa un pregiudicato, beccato dai carabinieri di Assisi

ASSISI – I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Assisi hanno arrestato un pregiudicato ventiduenne campano, in esecuzione di un provvedimento restrittivo emesso dall’Ufficio di Sorveglianza di Perugia.

Il giovane, che già si trovava agli arresti domiciliari ad Assisi,  proveniente da Napoli, in quanto condannato in maniera definitiva a quattro anni di reclusione per associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, già in passato era stato sorpreso dai militari a violare le prescrizioni dell’A.G.

In particolare il giorno di ferragosto una pattuglia dell’Arma è intervenuta per un controllo di routine, ma all’interno dell’abitazione, oltre al detenuto, vi era anche un noto pregiudicato, tossicodipendente folignate che, per eludere i militari, ha dapprima tentato di uscire da una finestra retrostante, poi, accortosi che sul retro stava giungendo un altro carabiniere, si è nascosto nell’armadio della camera da letto e, successivamente, dietro la tenda della vasca da bagno, dove è stato scovato.

L’arrestato, peraltro, durante il controllo di polizia, con il chiaro intento di impedire l’ispezione, ha più volte frapposto i suoi tre cani ai militari che erano entrati per il controllo. L’Autorità Giudiziaria, Ufficio di Sorveglianza di Perugia, recependo appieno l’informativa dell’Arma, ha immediatamente revocato la detenzione domiciliare disponendo per il giovane campano l’espiazione della pena in carcere; provvedimento notificato dai militari che l’hanno arrestato ed associato alla casa circondariale di Perugia – Capanne. I cani dell’arrestato hanno trovato un’idonea collocazione grazie all’interessamento della locale ASL.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*