Al Serafico, l’incontro su Gli aghi di Assisi VIDEO

L’incontro è stato coordinato da Francesca Di Maolo, Direttore Scuola Socio-Politica Giuseppe Toniolo

Al Serafico, l’incontro su Gli aghi di Assisi ASSISI – Gli aghi di Assisi. Lavoro e innovazione sociale nel 1822. E’ l’incontro che si è tenuto lunedì 6 marzo presso l’Istituto serafico di Assisi per celebrare l’ 8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, l’Isuc, l’Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea ha patrocinato e collaborato all’incontro. Un modo di celebrare la Festa della Donna che va oltre la celebrazione.

Perché proprio ad Assisi? All’inizio del XIX secolo fu impiantata ad Assisi una manifattura di aghi da cucito, che proseguì la sua attività per alcuni decenni. Una fabbrica all’avanguardia per il tempo, soprattutto perché le maestranze erano di entrambi i sessi e il regolamento che ne specificava l’attività indicava per uomini e donne il medesimo trattamento, senza differenza alcuna. Un bell’esempio di uguaglianza che affonda radici nella storia del nostro paese, allora non ancora politicamente unito. Quello stesso regolamento, datato novembre 1822, venne spesso portato ad esempio e affisso non soltanto nella città Serafica, ma anche in altri luoghi e contrade dello Stato Pontificio. Uguaglianza tra i sessi, ma anche precise indicazioni sulle varie fasi della giornata lavorativa, segnata da pause per il pranzo e per la preghiera. L’Archivio di Stato di Perugia, sezione di Assisi, nel 2016 ha reso pubblico quel documento.

Dopo i saluti di Stefania Proietti, Sindaco di Assisi, Gemma Paola Bracco, Consigliera di Parità della Provincia di Perugia e Giovanna Giubbini, Direttore dell’Archivio di Stato di Perugia, sono intervenuti Pasquale Toscano dell’Università degli Studi di Perugia, Mario Tosti Presidente dell’Isuc Carlo Menichini che ha letto il Regolamento della Fabbrica di Aghi.  Le conclusioni sono state affidate al vescovo di Assisi Domenico Sorrentino. L’incontro è stato coordinato da Francesca Di Maolo, Direttore Scuola Socio-Politica Giuseppe Toniolo.

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*