Assisi, incontro istituzioni-addetti ai lavori per contrastare i danni

Il prossimo mercoledì 9 novembre alle ore 18 si riunirà il primo Tavolo ASSIST

Assisi, incontro Istituzioni-addetti ai lavori per contrastare i danni. Un incontro partecipato che ha riempito la Sala della Conciliazione di “addetti ai lavori”, convinti della necessità di agire subito e di rimboccarsi le maniche. Questo lo spirito che ha animato l’assemblea di ieri delle ore 18, indetta dall’Assessore Guarducci e dal Vicesindaco Stoppini, alla presenza del sindaco Proietti e del Direttore regionale alle attività produttive, lavoro, formazione e istruzione Rossetti, che per conto della Regione Umbria ha aggiornato i presenti sui provvedimenti in fase di definizione.

Un incontro convocato con urgenza per incontrare le Associazioni di categoria, i Sindacati e le imprese del comparto turistico per fare il punto sul post sisma e per ragionare sulle misure da adottare in difesa del tessuto socio economico locale. Un terremoto che non ha fatto registrare danni importanti ad Assisi, ma che ha propagato le sue conseguenze e i suoi danni indiretti su tutto il territorio umbro andando ad intaccare il settore economico e turistico; quello che l’Assessore Guarducci durante l’incontro ha simbolicamente denominato ‘l’epicentro dei danni indiretti’.

“ La grande partecipazione di ieri è segno di forte interesse verso le tematiche urgenti da affrontare – ha dichiarato l’Assessore Guarducci – La Città è attenta e pronta, insieme alle Istituzioni, a progettualità capaci di rispondere a questa emergenza e a stimolare gli organi regionali e nazionali affinché Assisi venga riconosciuta come città colpita dai danni indiretti del terremoto. Assisi nel ‘97 ha già dimostrato di saper reagire a situazioni di gran lunga più difficili e urgenti; non ho dubbi sul fatto che riusciremo a superare anche questa problematica”. Già il prossimo mercoledì 9 novembre alle ore 18 si riunirà il primo Tavolo ASSIST di confronto per affrontare un brain storming continuativo di quanto già proposto durante l’assemblea di ieri e ricavarne azioni concrete che incidano efficacemente sulla situazione.

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*