Primi d'Italia

Assisi, indagini su dipendente comunale, dichiarazione Sindaco

Garantiremo la massima attenzione nei confronti di eventuali sospette irregolarità

Assisi, indagini su dipendente comunale, dichiarazione Sindaco

Assisi, indagini su dipendente comunale, dichiarazione Sindaco

ASSISI – “L’Amministrazione Comunale di Assisi da noi guidata – dichiara il Sindaco Stefania Proietti sul caso della dipendente ‘infedele’ – continuerà a garantire la massima vigilanza sul comportamento sospetto di eventuali altre ‘mele marce‘, come ha dimostrato (per prima dopo decenni) con i fatti, ma non farà mai mancare il proprio convinto sostegno a tutti coloro che, ogni giorno, garantiscono, con il proprio lavoro, un servizio ai cittadini”.

“È proprio questo senso del lavoro pubblico come ‘servizio’ – continua Proietti – che va recuperato: il posto fisso pubblico, utopia per tante, troppe persone in Italia, non può e non deve mai diventare luogo dove si perpetra la illegalità. Non ottemperare i propri doveri nei confronti dei Cittadini quando si è da loro ‘pagati’ attraverso le tasse è reato gravissimo, che va individuato e perseguito con ogni strumento previsto dalla Legge e senza sconti.

Questo abbiamo fatto – afferma il Sindaco di Assisi – e questo continueremo a fare, nel rispetto dei cittadini, con un unico ideale guida: il Bene Comune. Voglio sottolineare che i dipendenti del Comune di Assisi  – conclude il Sindaco Stefania Proietti – sono persone oneste e capaci. Lo dimostrano ogni giorno con atti concreti e con un attaccamento particolare all’Ente.

Un sentimento che, in occasione di questa triste vicenda, è bene sottolineare per evitare generalizzazioni gravi e inopportune. Garantiremo la massima attenzione nei confronti di eventuali, sospette irregolarità anche nell’interesse di chi, ogni giorno, onora il proprio lavoro. Un ringraziamento va alle Forze dell’Ordine, sempre attente alle nostre segnalazioni ed efficaci nel garantire il rispetto della Legge.”

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*