Assisi, oltre 6.300 persone alla Settimana della Spogliazione

Monsignor Sorrentino:“Gli assisani sentano questo Santuario, la piazza e il Vescovado come propri”

Assisi, oltre 6.300 persone alla Settimana della Spogliazione

ASSISI  – Oltre 6.300 persone, circa 72mila visualizzazioni della serata organizzata dalla Pastorale giovanile venerdì 19 maggio con padre Mirko Mazzocato, Marco Mammoli, fra Alessandro Brustenghi, 15mila per la celebrazione di inaugurazione del Santuario della Spogliazione di sabato 20 maggio, quasi 4mila per la messa con il Segretario di Stato di Sua Santità cardinale Pietro Parolin, oltre 600 persone domenica sera 21 maggio hanno assistito in piazza del Comune al musical “Forza Venite gente” che è tornato in Assisi dopo 26 anni regalando ancora tante emozioni.

Sono questi alcuni numeri della settimana della Spogliazione che ha visto la partecipazione di illustri relatori, dei vescovi dell’Umbria, dei vicariati della diocesi e di diversi cori della città. Coinvolgente e partecipata anche la rappresentazione inedita sulla spogliazione realizzata dall’Ente Calendimaggio che ha messo insieme attori e musici delle due Parti. “Alla fine di un’intensa settimana come quella appena trascorsa e visti i risultati – commenta il vescovo di Assisi monsignor Domenico Sorrentino – mi viene dal cuore di ringraziare tutti coloro che hanno partecipato ai vari momenti e coloro che si sono adoperati per realizzarli.

Come ho già avuto modo di dire l’apertura di questo santuario arricchisce Assisi di una perla preziosa, quella che mancava. Ora più che mai dobbiamo sentirci tutti interrogati dal significato della “spogliazione” e lavorare perché questa città possa esprimere al meglio l’accoglienza, il rispetto, l’attenzione dell’altro e la custodia del Creato che la nudità Gesù prima e quella di Francesco poi esprimono.

Vorrei soprattutto che gli assisani si sentano coinvolti in questo processo di rilancio del messaggio francescano considerando questo Santuario, la piazza e lo stesso Vescovado come propri”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*