Assisi, plauso dell’Amministrazione al progetto degli alunni del Sesto Properzio VIDEO

Il Sindaco Proietti e l’Assessore Travicelli “Un’iniziativa che ci rende orgogliosi”

Assisi, plauso dell’Amministrazione al progetto degli alunni del Sesto Properzio. “Un’iniziativa che ci piace e rende orgogliosi, nata dalla sensibilità e dall’attenzione dei nostri ragazzi che dimostra che la solidarietà non ha età e che tutti noi abbiamo tanto da imparare dai più giovani” così il Sindaco Proietti commenta l’iniziativa benefica dal nome “La terra trema…io no”, il progetto realizzato dai ragazzi dell’Istituto Sesto Properzio di Assisi in favore delle popolazioni colpite dal terremoto. Insieme hanno realizzato un video all’interno dei locali della scuola proponendo l’attuale moda della “Mannequin challenge”, presentandosi completamente immobili in opposizione alla terra che trema. In occasione della realizzazione del video, che sta diventando virale, è stata raccolta una generosa somma con la quale sono stati acquistati beni di prima necessità consegnati direttamente da alcuni studenti del Liceo a Norcia.

“Questo progetto mi rende fiera e mi riempie il cuore – ha dichiarato l’Assessore Travicelli – E’ la dimostrazione che i ragazzi se ascoltati e sostenuti hanno potenzialità enormi e come Assessore alle Politiche Scolastiche ed Educative sono orgogliosa che l’iniziativa parta proprio da un nostro liceo. Sono stata personalmente contattata dai ragazzi ai quali esprimo tutta la mia disponibilità e collaborazione; come Amministrazione appoggiamo in pieno il progetto e non mancheranno occasioni in cui uniremo le forze in nome della solidarietà. Queste sono le sono le iniziative che ci piacciono, questi sono i progetti che ci portano lontano e queste le politiche e i messaggi che devono partire dalla città di Francesco e Chiara. Ci incontreremo in questi giorni con i ragazzi e la Dirigente Scolastica, che ringrazio per avermi coinvolta, questo fa onore al mio ruolo di Assessore alle Politiche scolastiche ed Educative della nostra città”.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*