Assisi, turismo, stati generali in Umbria post sisma per esame tecnico

Ne parlano a Perugia la politica e gli addetti ai lavori

Il Cortile di Francesco, il 26 maggio l'evento comunicare il nostro tempo

Assisi, turismo, stati generali in Umbria post sisma per esame tecnico
di Lorenzo Capezzali
ASSISI – Il turismo ancora sotto i riflettori ad Assisi e dopo la kermesse del 25-26 del motoraduno è una sorta di bilancio a fare capolino tra i preposti. Giorni utili per analizzare e compendiare ciò che è stato dello sciame di centauri provenienti da ogni dove che potrebbe suonare come un test per la stagione. Intanto gli stati generali sul turismo in Umbria dopo il terremoto: iniziativa “aperta” il 22 aprile a Perugia Ponte San Giovanni Park Hotel (ore 16) per capite la “cose da fare” nel triennio 2017/2020.

Claudio Ricci (promotore delle rete civica in Umbria) comunica (e invita alla partecipazione), l’iniziativa tecnica sul tema “turismo e terremoto: istruzioni per l’uso”. Si tratta di un “incontro aperto” (Sabato 22 aprile, alle ore 16, in Perugia Ponte San Giovanni Park Hotel), a operatori e cittadini, per dare un “contributo utile” al superamento dei danni al turismo causati dall’immagine negativa indotta dal terremoto nel Centro Italia (2016/2017) e in Umbria (malgrado, tranne la Valnerina, tutto sia pienamente intatto e fruibile nella Regione). Una iniziativa, promossa all’inizio della stagione turistica 2017, che, dopo un quadro d’introduzione legato al “come promuovere e vendere il turismo” (nei casi di immagine negativa indotta da un sisma), sarà aperta ad una “discussione e riflessione” per capire le “proposte di attività” da realizzare nel prossimo triennio 2017/2020.

Si auspica una ampia partecipazione anche per riflettere sulle “misure compensative”, in termini economici, sociali e nei trasporti, al fine di “bilanciare” le perdite rilevanti già segnalate nel settore economico turistico. Intanto ad Assisi ci si guarda attorno dopo il motoraduno motociclistico e stando ad alcuni messaggi web e foto alcuni commercianti lamentano una situazione di presenze stazionaria. Forse ci si aspettava di più nel ritorno del moto-giro ma stando ai commenti locali si attenderebbero ancora sviluppi sul momento.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*