Giornata Mondiale dei Diritti Umani, Travicelli, un invito a tutti alla riflessione

Non possiamo restare ancora in silenzio!!! Accendi anche tu una luce per i diritti umani

Giornata Mondiale dei Diritti Umani, Travicelli, un invito a tutti alla riflessione

Giornata Mondiale dei Diritti Umani, Travicelli, un invito a tutti alla riflessione

ASSISI – Questa data è stata scelta per ricordare e far riflettere sulla proclamazione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ONU), a proposito della dichiarazione universale dei diritti umani promulgata il 10 Dicembre 1948. Trattasi di un testo articolato in 30 punti, che sancisce, come si legge nella parte principale del primo articolo “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di conoscenza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”.

Oggi siamo purtroppo ancora molto indietro, centinaia di milioni di persone sono prive di diritti umani fondamentali, quali la Pace, il cibo, l’acqua, una casa, le cure necessarie, il diritto all’educazione, ad una condizione di lavoro decente ed umana. Moltissimi sono ancor oggi costretti a vivere in condizione di povertà e troppo spesso subiscono discriminazioni ed esclusione sociale.

La povertà annulla il povero e li rende privi della loro dignità umana. Il lavoro e gli sforzi di noi tutti per sradicare la povertà, devono in primo luogo basarsi principalmente e maggiormente sul rispetto e sull’educazione ai diritti umani e alla dignità di tutti. Dobbiamo garantire che tutti i poveri abbiano accesso alle risorse di cui hanno bisogno, penso alla terra, alla conoscenza, alla professionalità, elementi in grado di allontanare la povertà. Oggi sono tantissime le persone nel mondo a rischio povertà.

La povertà non sarà infatti debellata senza la dovuta considerazione per i diritti umani. L’Italia, ancor oggi mostra i suoi limiti nell’affrontare il post emergenza nord Africa, ma garantisce al meglio il supporto e l’assistenza a migliaia di sfollati, che a causa di crisi umanitarie e conflitto hanno lasciato le proprie origini, i propri paesi e spesso i propri cari, evitando così un tracollo totale della situazione.

La sensibilizzazione, in ogni luogo, iniziando dai più giovani, dalle scuole, è il primo passo per dare voce ai tanti invisibili, a tutti coloro che delle giornate come oggi, in cui si ricorda la Dichiarazione dei Diritti Universali dell’Uomo, sono i veri protagonisti, vittime inconsapevoli.  Si può e si deve andare oltre le celebrazioni, con convinzione anch’io ho aderito al Comitato Nazionale per il 70^ anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani  ed invito tutti a farlo, inviando subito la propria adesione presso la Tavola della Pace, adesioni@perlapace.it – www.perlapace.it

Interi popoli prigionieri della guerra, atti barbarici compiuti su persone indifese, mucchi di cadaveri ripescati dal mediterraneo, bambini con il volto sfigurato dalla fame e dalle sofferenze, persone uccise, torturate, vendute come schiavi, stupri, anziani abbandonati alla peggior solitudine, donne e uomini che perdono il lavoro, giovani che non lo trovano, donne violentate e uccise in famiglia, famiglie che non trovano casa, persone che non riescono a curarsi, giornalisti ammazzati e perseguitati dalle mafie e dalla criminalità, beni comuni privatizzati, terra, aria, acqua e cibo devastati.                            

Non possiamo restare ancora in silenzio!!! Accendi anche tu una luce per i diritti umani

GRIDIAMO INSIEME:
basta stragi di vite, dignità e diritti!
 
Claudia Maria Travicelli   (ex Assessore del Comune di Assisi)
Democratici e Popolari per Assisi
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*