I ragazzi del Serafico di Assisi protagonisti della mototerapia

Nell’ambito della quarta edizione de Lo Show Dei Motori

I ragazzi del Serafico di Assisi protagonisti della mototerapia

I ragazzi del Serafico di Assisi protagonisti della mototerapia

Da Stefano Malfatti
ASSISI –  Assisi, 1 giugno – L’evento Lo Show dei Motori, in programma da giovedì 1 a domenica 4 giugno al centro fieristico Umbriafiere di Bastia Umbra, ha aperto ai visitatori nella mattinata di oggi. Come descrive bene il nome,è un’occasione di puro divertimento per il pubblico che oltre ad ammirare in esposizione i modelli più nuovi delle principali case automobilistiche e motociclistiche, assiste a numerosi eventi e in molti casi vive in prima persona vere e proprie esperienze di emozione e adrenalina allo stato puro.

Emily Granieri, promotore della manifestazione, dichiara: “È un evento motoristico unico in Umbria che oltre a puntare a diventare appuntamento fisso e di rilievo ha deciso di puntare all’attenzione in ambito sociale”. Accanto allo spettacolo, infatti, grande rilevanza è data alle scuole e al loro coinvolgimento sui temi della sicurezza ed educazione stradale.

Anche da qui l’idea di coinvolgere i ragazzi disabili dell’Istituto Serafico di Assisi e del Centro Speranza di Fratta Todina per farli diventare protagonisti di due sessioni di mototerapia con la collaborazione del team DaBoot.

La mattinata così si è aperta per loro con uno straordinario spettacolo di Freestyle, ricco di emozioni e di volteggi con le moto da cross e con un quad, sotto gli occhi stupefatti dei ragazzi delle scuole e dei due istituti, tutti con gli occhi rivolti al cielo. Ma la vera emozione e sorpresa si è raggiunta quando gli acrobati hanno iniziato a caricare in moto uno per uno i diversi ragazzi del Serafico. Le urla di gioia, l’entusiasmo e i sorrisi hanno accompagnato l’emozione e la commozione del team di motociclisti di Vanni Oddera, felice di poter regalare queste insperate emozioni ai ragazzi.

“E’ un’occasione straordinaria – ha dichiarato Francesca Di Maolo, Presidente del Serafico – quella di essere stati coinvolti in questa manifestazione che ha rivolto attenzioni particolari anche a chi si trova in una situazione di fragilità, per regalare emozioni e nuovi stimoli. Anche per noi è stata una grande sorpresa vedere i nostri ragazzi così carichi ed entusiasti, pronti a fare a gara per salire per primi sulle moto. Spesso i nostri operatori sono molto attenti ad ogni loro piccolo movimento, alle loro anche minime reazioni e vederli sfrecciare così, con grande cura da parte dei motociclisti che li accompagnano, ci sembra possa vedersi realizzato il loro sogno di provare ogni emozione che la vita può offrire. Anche ad alta velocità”.


Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*