In auto con siringhe e Narcan, giovane assisano denunciato dalla Polizia

I poliziotti delle Volanti lo hanno notato nei giorni scorsi mentre si trovava a bordo di una vettura, insieme ad un altro soggetto, in via Mario Angeloni

Spaccio di droga, ad Assisi segnalati un egiziano e un minorenne

In auto con siringhe e Narcan, giovane assisano denunciato dalla Polizia

ASSISI – Fermato mentre si trovava al volante in stato di alterazione psicofisica da stupefacenti, rifiuta di sottoporsi al test. Nell’auto la polizia rinviene siringhe, una fiala di naloxone (Narcan) e numerose confezioni di soluzione fisiologica. La polizia denuncia 28enne italiano per guida sotto l’effetto di stupefacenti. Ritirata la patente di guida.

I poliziotti delle Volanti lo hanno notato nei giorni scorsi mentre si trovava a bordo di una vettura, insieme ad un altro soggetto, in via Mario Angeloni. Ad attirare l’attenzione dei poliziotti è stata la circostanza che l’auto, alla vista degli agenti, riprendeva la marcia con un’andatura a dir poco incerta, accelerando e decelerando senza motivo. Il veicolo veniva più volte invitato a fermarsi e solo dopo ripetuti segnali di alt l’auto accostava. A bordo due giovani italiani, un assisano del ’90 che conduceva il veicolo ed un coetaneo originario di Umbertide, entrambi residenti a Perugia.

I due apparivano da subito estremamente nervosi ed insofferenti ed il conducente, a carico del quale emergevano pregiudizi per stupefacenti, appariva in evidente stato di alterazione riconducibili tipicamente proprio all’assunzione di droghe: in stato di agitazione era tuttavia incapace di rispondere compiutamente alle domande degli agenti, presentando pensiero rallentato e formulando frasi sconnesse e contraddittorie. Data la situazione e le risultanze degli accertamenti, gli operatori procedevano ad un controllo più approfondito esteso anche al mezzo che dava esito negativo per quanto riguarda gli stupefacenti.

Tuttavia, sul tappetino corrispondente al sedile anteriore lato passeggero, i poliziotti rinvenivano una busta contenente numerose siringhe ancora sigillate, una fiala di naloxone (comunemente usato per contrastare i casi di overdose) e numerose confezioni di soluzione fisiologica. Accompagnati in Questura entrambi, i poliziotti chiedevano al conducente di sottoporsi al test per gli stupefacenti ma questi rifiutava, asserendone l’inutilità poiché il risultato sarebbe stato positivo. Ciò posto, al termine degli accertamenti, il giovane veniva indagato per guida in stato di alterazione psicofisica da stupefacenti, con contestuale ritiro della patente di guida.

L’auto, intestata al padre del 28enne, veniva affidata alla madre del giovane nonché moglie del proprietario.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*