Proietti, Assisi mette in mostra le sue bellezze grazie a Rai Uno

La troupe della nuova trasmissione “Meraviglie: La Penisola dei Tesori” in città fino al 18 ottobre

Proietti, Assisi mette in mostra le sue bellezze grazie a Rai Uno

Proietti, Assisi mette in mostra le sue bellezze grazie a Rai Uno

ASSISI – “Grazie alla RAI ed in particolare alla troupe di Rai Uno al lavoro in questi giorni ad Assisi per mostrare le bellezze della nostra città”: esordisce così il Sindaco di Assisi Stefania Proietti accogliendo le riprese della nuova trasmissione di Alberto Angela dal titolo “Meraviglie: La Penisola dei Tesori”  che andrà in onda a partire da gennaio. “La presenza di Alberto Angela ci onora –spiega il sindaco Proietti- e fa seguito alla nostra richiesta avanzata alla RAI di costante attenzione mediatica verso la nostra città, per mostrare quanto Assisi sia attrattiva e capace di accogliere, mostrandola in tutta la sua bellezza”.

“Un’occasione di promozione importante – spiega il Sindaco – che segue quella offerta da Sereno Variabile e da Osvaldo Bevilacqua che il 9 settembre ha dedicato ad Assisi un’intera puntata”. Le riprese, cominciate oggi (nella foto la troupe al lavoro nella Domus romana), si svolgono nel centro storico della città, precisamente nella Piazza del Comune con il Tempio di Minerva, l’Assisi Romana e nei luoghi di campagna limitrofi ad Assisi come il Ponte San Vittorino oltre che nei luoghi di culto.

Le riprese riguarderanno anche l’Eremo delle Carceri e la Basilica di San Francesco e proseguiranno fino al 18 ottobre. Alberto Angela, paleontologo, divulgatore scientifico, scrittore e giornalista italiano torna dunque in Assisi dopo aver prodotto numerosi contributi e trasmissioni dalla città di san Francesco.

In ciascuna puntata di questo nuovo ciclo televisivo il conduttore accompagnerà i telespettatori in un viaggio dal Nord al Sud dell’Italia attraverso i siti Unesco selezionati e scelti in quanto maggiormente rappresentativi. Assisi sarà protagonista della seconda puntata.

(fm)

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*