Licenziamento Colussi, Squarta, non si può fare finta di non vedere

L'Assemblea legislativa non più può fare finta di non vedere una serie di crisi aziendali

Licenziamento Colussi, Squarta, non si può fare finta di non vedere

Licenziamento Colussi, Squarta, non si può fare finta di non vedere

PERUGIA – “Mentre i parlamentari, anche umbri, del Partito democratico fanno lo sciopero della fame per lo ‘Ius soli’ i lavoratori umbri rischiano di essere ridotti davvero alla fame da una raffica di licenziamenti”. Lo dichiara il consigliere regionale Marco Squarta (FdI), commentando la notizia “dell’avvio delle procedure per il licenziamento collettivo di 125 lavoratori dello stabilimento di Petrignano di Assisi avviate dalla Colussi”.

Squarta sottolinea che “115 operai, 5 impiegati e 5 impiegati della So.Ge.Sti. perderanno presto il lavoro, andando ad aggiungersi alle centinaia di esuberi della Perugina, della ex Novelli, dell’Ast di Terni, della Trafomec e di numerose altre aziende del territorio regionale che quasi ogni settimana decidono di ridurre il numero dei propri dipendenti.

L’Assemblea legislativa non più può fare finta di non vedere una serie di crisi aziendali che stanno devastando il tessuto economico e sociale dell’Umbria. Centinaia di lavoratori senza credibili prospettive di reinserimento e altrettante famiglie umbre si troveranno presto in serie difficoltà e la politica deve fare tutto ciò che è possibile per evitare la desertificazione economica di questa regione”.

“Anche l’Assemblea legislativa regionale dovrà quindi – conclude il consigliere – farsi carico di delineare azioni efficaci di sostegno alla ripresa economica in grado di porre fine all’emorragia di posti di lavoro che sta dissanguando l’Umbria”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*