Primo consiglio comunale, le riflessioni di Tonino Lunghi

Ecco la scaletta di Lunghi, le sue priorità

Consiglio comunale Assisi, Lunghi a Sindaco Proietti, donna sola al comando
stefania-proietti

Primo consiglio comunale, le riflessioni di Tonino Lunghi. Il prossimo lunedì 11 luglio è stato convocato il primo consiglio comunale a guida del SINDACO STEFANIA PROIETTI. Il neo Sindaco ha annunciato che il consiglio sarà trasmesso in Diretta Streaming anticipando una scontata mozione del Movimento Cinque Stelle. Dato che non siamo attrezzati per realizzare la “DIRETTA” ritengo che si farà ricorso ad un Service esterno il cui servizio avrà sicuramente un costo. Ho sempre ritenuto che era più importante necessario sostituire l’impianto di amplificazione della Sala della Conciliazione, cosa che peraltro non sono riuscito a realizzare, che spendere denari per realizzare la Diretta Streaming del Consiglio Comunale.

Sento un gran parlare sulla composizione della nuova giunta e poco su quello che si intende fare. Il sottoscritto ritiene invece che questo è il tema più importante.

PROPONGO UNA SCALETTA DI PRIORITÀ:
Riorganizzazione della struttura amministrativa del Comune di Assisi ponendo particolare attenzione ad una serie di criticità oggi esistenti: Servizi Operativi, Uscieri, Settore Turismo, Patrimonio, Vigili e Sicurezza,……;
Apertura di uno sportello del Cittadino il Sabato mattina a S. Maria degli Angeli;
4 vigili di Zona a Petrignano e Rivotorto con competenza sulle rispettive aeree;

Riqualificazione dell’Isola Ecologica del Ponte Rosso e realizzazione di una nuova isola ecologica in Petrignano con la realizzazione di un sistema di pesatura che permetta di quantificare il materiale conferito al fine di predisporre una premialità;
Predisposizione di un progetto per la realizzazione di un intervento di edilizia economico popolare, da realizzare preferibilmente a S. Maria degli Angeli, per dare una risposta alla domanda di abitazioni a basso costo esplosa in questi ultimi anni. In questa prospettiva sarebbe auspicabile vendere gli alloggi realizzati a Castel San Gregorio, in parte ancora da completare, e rinvestire i denari in un intervento di riqualificazione dell’Edificio ex CIM di proprietà della ASL situato proprio a S. Maria degli Angeli;

Realizzare uno studio approfondito delle possibilità di utilizzo dei fondi del PSR con particolare attenzione al problema della riqualificazione delle strade e la redazione di progetti di valorizzazione del Patimonio Pubblico (es. Ex scuola Elemenare di Armanzano);
Redazione del Progetto di riqualificazione del COMPLESSO SPORTIVO DI FOSSA CARONCIA da finanziare o attraverso l’accesso ad un mutuo o rinegoziando il finanziamento promesso dalla Regione Umbria per chiudere la Controversia scaturita dal Bando “PUC 2”;
Predisposizione di un accordo con gli operatori turistici per un progetto di rilancio e valorizzazione del “PRODOTTO ASSISI”;
Utilizzo del Marchio Conventional Bureau per promuovere l’uso delle infrastrutture di proprietà dell’Amministrazione Comunale (Pala Eveni, Monte Frumentario, Teatro Lyrich, ecc.) oggi costituenti un Costo per la stessa.

Altro tema discusso è quello degli Assessori Esterni che forse vorrà nominare Stefania Proietti. Ho sentito circalare nomi importanti per ricoprire tale incarico. Ritengo inutile coinvolgere questi Illustri Personaggi soprattutto nel settore del Turismo-Cultura. Ad Assisi vive ed opera una persona che è sicuramente un grande maestro nel settore della comunicazione e realizzazione di eventi. Infatti è vero che dobbiamo costruire degli eventi stabili, cioè ripetuti nel tempo, e di forte rilevanza mediatica. Ma questi devono essere legati e coerenti con la storia di Assisi: assonanti con la nostra identità di città. Penso al Giardino dei Gentili/di Francesco o alla ricorrenza delle Giornate di preghiera in ricordo dello Spirito di Assisi voluto da S. Giovanni Paolo II. Abbiamo tutti presente la bellissima settimana di fine settembre quando Assisi ha accolto IL GIARDINO Di FRANCESCO. È stato un momento di confronto e di dialogo forte diverse culture e sensibilità che ha coinvolto tutta la città. Per questo ritengo, e non me ne vorrà, che la persona più adatta da coinvolgere sia Padre Enzo Fortunato che ha dimostrato, con i fatti, di essere uno dei grandi organizzatori di eventi della nostra Nazione. Non c’è nemmeno bisogno di nominarlo Assessore: basta individuare persone che in questi anni hanno collaborato con lui in queste iniziative: cito per tutti Paolo Ansideri.

Quindi Neo Sindaco avanti tutta ma non ti far condizionare dalle novità e dal sensazionale. Noi dai banchi dell’opposizione ti controlleremo e ti giudicheremo senza sconti ma neanche senza paraocchi.

Print Friendly

3 Commenti su Primo consiglio comunale, le riflessioni di Tonino Lunghi

  1. Tranquillizzatevi tutti che la DIRETTA STREAMING non ha i COSTI dell’impianto di amplificazione della Sala della Conciliazione, si tratta di avere un cellulare con il collegamento internet e Youtube….. E NON parliamo di VIDEOCONFERENZA, quella si’ che ha un COSTO ELEVATO. Se si vuole retribuire la persona che fa’ la ripresa, il costo e’ tutto li’.

  2. Non ho alcuna voce in capitolo per commentare l’articolo. Vorrei solo dire che la ex-scuola elementare sta ad Armenzano e non a Armanzano.

  3. complimenti per lo spirito di costruttiva collaborazione ma ha senso che un ex sindaco suggerisca a un nuovo sindaco di fare quello che lui non ha saputo o voluto fare?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*