Protocollo di intesa tra le associazioni dei consiglieri emeriti de L’Aquila, Assisi, Torino e Verona

Sul digitale verrà istituita anche  la posta elettronica

Protocollo di intesa tra le associazioni dei consiglieri emeriti dell'Aquila, Assisi, Torino e Verona

Protocollo di intesa tra le associazioni dei consiglieri emeriti de L’Aquila, Assisi, Torino e Verona

Da Lorenzo Capezzali
ASSISI: La città di Assisi  guarda  lontano e  promuove un protocollo d’intesa del tutto originale. Si tratta dell’iniziativa  messa in piedi dalle  Associazioni dei Consiglieri Emeriti de L’Aquila, di  Assisi, Torino e Verona, accomunate da origini, storia e cultura e facenti parte del patrimonio  salvaguardia” Umanità  Unesco”. L’iniziativa,  nata tra fervori emozionali e sociali tra tutti  i rappresentanti  delle quattro città italiane, intende promuovere idee e programmi per stimolare la partecipazione dei cittadini al lavoro e al progresso  della stessa Associazione Consiglieri Emeriti e quindi delle collettività reciproche.

Si è  stabilito di vedersi almeno una volta all’anno a turno presso le sedi delle associazioni medesime per verificare iniziative ed esperienze in itinere.

Sul digitale verrà istituita anche  la posta elettronica per concordare informazioni sui risultati nei rispettivi territori e sulle iniziative di comune interesse. L’intesa ha in animo di promuovere con il  coinvolgimento dell’ANCI la costituzione e localizzazione di una Associazione Nazionale tra le realtà consimili create.

“E’ comune convincimento che il  risultato ottenuto costituirà un vantaggio per le comunità aderenti e per le istituzioni che potranno avvalersi di una consolidata ed affidabile esperienza,  lontano da dispersioni e oblii ”,   conclude il testo letto ed approvato dalle associazioni consiglieri emeriti de L’Aquila, di Assisi, Torino e Verona. Giuliano Comparozzi è il Presidente dell’Associazione Consiglieri Emeriti di Assisi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*