Scuola “Giuseppe Toniolo”, Tavola rotonda mercoledì 27 aprile

“Il principio del bene comune: diversi punti di vista, molteplici possibilità di azione”

Al Serafico la solidarietà va a ritmo di musica

Scuola “Giuseppe Toniolo”, Tavola rotonda mercoledì 27 aprile

“Il principio del bene comune: diversi punti di vista, molteplici possibilità di azione” è questo il tema che la scuola socio-politica “Giuseppe Toniolo” tratterà nel corso della tavola rotonda in programma mercoledì 27 aprile alle 17 all’Istituto Serafico. Intervengono all’incontro moderato da Marina Rosati, giornalista e redattrice del Corriere dell’Umbria, suor Alessandra Smerilli, economista; Pompeo Farchioni, imprenditore; Roberto Leoni, Fondazione Sorella Natura; Massimo Borghesi, filosofo.

La scuola socio-politica “Giuseppe Toniolo”, organizzata dalla Commissione per i problemi sociali e il Lavoro, giustizia, pace e custodia del creato, in questa edizione 2016 ha incentrato il suo ciclo di studi sull’enciclica “Laudato Si’” di Papa Francesco, letta e analizzata alla luce della dottrina sociale, del magistero, della vocazione francescana e dello Spirito di Assisi. Con approfondimenti curati da docenti universitari ed esperti relatori. Si è trattato di un vero successo riscosso in termini di adesioni e partecipazione in un momento in cui la custodia della ‘casa comune’ appare come un problema di grande attualità che riguarda tutti.

Nei prossimi appuntamenti, che sono previsti per il 10 e 17 maggio alle ore 19,00 e nei quali interverrà, al primo padre Giulio Albanese e al secondo padre Adriano Sella, verranno trattati gli ultimi due capitoli dell’Enciclica. Gli altri quattro sono già stati accuratamente esaminati nel corso delle precedenti lezioni.

L’ultimo incontro fissato per il 21 maggio prevede alle ore 10,00 la presentazione dei progetti di innovazione sociale “#SmartLabs” a cura degli studenti del Polo-Bonghi in collaborazione con il Progetto Policoro e alle ore 21,00 in conclusione la “Preghiera per la nostra terra, preghiera con il creato”.

Scuola

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*