Sindaco Proietti a vertenza Perugina il lavoro è dignità, siamo qui per questo [VIDEO]

«Il lavoro non si può perdere, il lavoro si deve creare nei territori...»

Sindaco Proietti a vertenza Perugina il lavoro è dignità, siamo qui per questo

Sindaco Proietti a vertenza Perugina il lavoro è dignità, siamo qui per questo

PERUGIA – «Noi sindaci siamo qui per questo, non possiamo lasciare indietro lavoratori. Lo ha detto il sindaco di Assisi, Stefania Proietti, durante lo sciopero della Perugini di oggi. Le istituzioni devono essere vicino ai lavoratori. Oggi è la giornata del lavoro dignitoso, non c’è dignità senza lavoro. Il lavoro è dignità per i cittadini. Un sindaco – ha aggiunto – non può essere lontano dai propri cittadini che rischiano di perdere il lavoro, per questo siamo qui vicini a tutti, anche vicini alle aziende che si trovano ad attraversare momenti di difficoltà per dire che le istituzioni non si tirano indietro, per dire che le istituzioni ci sono ad aiutare tutti ma con un faro».

Ha poi spiegato: «Il lavoro non si può perdere, il lavoro si deve creare nei territori, perché territori senza lavoro impoveriscono, si impoveriscono non solo economicamente ma soprattutto socialmente. Evviva il lavoro dignitoso, noi tutti insieme ce la possiamo fare con speranza, con coraggio, senza rassegnazione. Lasciamo indietro la rassegnazione. Il lavoro – ha concluso – si può e si deve mantenere nei nostri territori. San Francesco diceva che anche frati dovevano lavorare, che il lavoro è dignità e noi siamo qui per questo».

Print Friendly, PDF & Email

1 Commento

  1. Un sindaco non può essere lontano dai propri cittadini che rischiano di perdere il posto di lavoro….non c’è dignità senza lavoro…che belle parole…ma i lavoratori della Colussi di Petrignano caro Sindaco sono lavoratori di serie “b”? ci risulta chl’amministrazione comunale non abbia preso posizione su questa vertenza…si è parlato di circa 100 esuberi… Eppure molti di loro sono cittadini del comune di assisi….sbaglio o ha detto che un sindaco deve preoccuparsi di creare lavoro nel proprio territorio ( non ci sembra lo stia facendo considerando le attività che stanno chiudendo e una zona industriale ormai deserta )…..meno propaganda e pubblicità più risultati concreti…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*