Statale 444 Assisi e Gualdo, chiesto e ottenuto intervento Provincia

I due primi cittadini Massimiliano Presciutti e Stefania Proietti hanno denunciato le problematiche annose

Statale 444 Assisi e Gualdo, chiesto e ottenuto intervento Provincia
Stefania Proietti

Statale 444 Assisi e Gualdo, chiesto e ottenuto intervento Provincia. I sindaci di Assisi e Gualdo fanno sinergia: “La statale 444 è pericolosa!” Chiesto (e ottenuto) l’intervento della Provincia. Assisi e Gualdo Tadino insieme. Stavolta è per protestare, all’unisono, sulla situazione in cui versa la strada statale 444 che unisce le due città.

Con una missiva congiunta e indirizzata ai Presidenti di Regione e Provincia, i due primi cittadini Massimiliano Presciutti e Stefania Proietti hanno denunciato le problematiche annose della strada in questione.

“Da tempo non sussistono più le condizioni minime di sicurezza né per gli automobilisti, né per i tanti pellegrini che quotidianamente percorrono questo importante tratto stradale – dicono i due sindaci – Riteniamo pertanto necessario e non più procrastinabile un intervento di manutenzione straordinaria sia del manto stradale, sia del verde che lo costeggia.

Gli sforzi che insieme le municipalità di Gualdo Tadino ed Assisi stanno cercando di mettere in campo sia sul versante del turismo, sia su quello della cultura, rischiano di essere vanificati senza un adeguato collegamento stradale, che tra l’altro ha il pregio di attraversare una zona di alto valore paesaggistico ed ambientale”.

Print Friendly

1 Commento su Statale 444 Assisi e Gualdo, chiesto e ottenuto intervento Provincia

  1. La strada provinciale Assisi-Spello n°249, l’altra direttrice fondamentale che insiste nella zona di espansione montana di Assisi (insieme alla ss444 sopra citata), versa in condizioni identiche o forse peggiori della strada per Gualdo. Medesimo pericolo per gli automobilisti, medesima difficoltà nella circolazione e medesima limitazione alle potenzialità turistiche di comuni importanti come Assisi, Spello e Valtopina.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*