Vicenda Mortaro Assisi, Rino Freddii, sempre peggio

Questa maggioranza, dopo un anno di “pallido” governo e di mazzate all’immagine di Assisi, dovrà cambiare passo

Vicenda Mortaro Assisi, Rino Freddii, sempre peggio

Vicenda Mortaro Assisi, Rino Freddii, sempre peggio

da Rino Freddii
ASSISI – In questi giorni è palese più che mai lo stato confusionale in cui versa la maggioranza. Dopo l’ennesimo esempio di pressapochismo nella gestione della cosa pubblica, gran parte degli assisani si augurano che la Prima Cittadina si renda conto che certe scelte della prim’ora sono tutt’altro che azzeccate.

La vicenda del “Mortaro”, in aggiunta a quelle della Fertility Room e di Umbria in Moto – per citare solo le più eclatanti – la dicono lunga sulle reali capacità amministrative dell’assessore di riferimento, il quale invece di fare autocritica per gli errori commessi (che molto probabilmente faranno lievitare i costi previsti) e chiedere scusa ai cittadini per aver pubblicizzato l’evento e venduto i biglietti prima di avere in mano le necessarie autorizzazioni, ha ritenuto opportuno “cinguettare” frasi volgari ed offensive indirizzate a chi non la pensa come lui. A tal proposito va evidenziato l’assordante silenzio della Sindaca. Non sappiamo come andrà a finire la storia: se ci sarà il rimpasto della Giunta, come richiesto dal PD sin dal primo consiglio comunale, oppure tutto resterà come ora.

Quello che è certo è che questa maggioranza, dopo un anno di “pallido” governo e di mazzate all’immagine di Assisi, dovrà cambiare passo altrimenti la totale inesperienza di alcuni consiglieri ed assessori, la presunzione di altri, la dir poco agitata situazione politica, le molte (troppe) deleghe in mano alla Prima Cittadina, la non celata diffidenza di quest’ultima nei confronti di alcune liste che la sostengono e lo scoramento del personale per la modifica della pianta organica, continueranno a far slittare nel tempo il difficile, quanto necessario, rilancio del settore turistico ed in generale di tutta l’economia comunale.

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*