X edizione del Pellegrinaggio ciclistico dall’Abruzzo ad Assisi

Gli sportivi, accompagnati da un centinaio di supporter, sono stati accolti dagli Amministratori Comunali di Assisi, Pescina, Spello e Bastia

X edizione del Pellegrinaggio ciclistico dall’Abruzzo ad Assisi

ASSISI – Il pellegrinaggio del Gruppo Cicloamatori “Fontamara-Eramo Paolo” di Pescina, dalla Valle del Fucino, nel cuore dell’Abruzzo, sino alla serafica Assisi, ha compiuto dieci anni. L’impresa, che in questo lasso di tempo ha coinvolto anche  i cicloamatori del Velo Club S. M. Angeli Racing, si è svolta domenica 11 giugno.

L’iniziativa, nel corso di questi due lustri, non si è limitata al solo settore sportivo, ma ha generato una serie di eventi, soprattutto culturali, tesi a evidenziare gli elementi storici, artistici, letterari e gastronomici delle due città. Anzi, l’orizzonte di questo “gemellaggio” si è arricchito, quasi da subito, dell’apporto della comunità di Spello, e coronato con un Protocollo di collaborazione tra le Amministrazioni Comunali di Assisi, Spello e Pescina, ufficialmente siglato nel novembre dello scorso anno.

Forti di queste motivazioni e uniti dal desiderio di rendere omaggio alla terra francescana, gli aderenti al Gruppo Amatoriale “Fontamara-Eramo Paolo”, sono partiti di prima mattina, percorrendo circa 220 km, da Pescina, la città che ha dato i natali a personaggi celebri, che hanno contribuito alla storia politica e letteraria di Francia e Italia: il cardinale Giulio Raimondo Mazzarino e lo scrittore Ignazio Silone.

Capitanati dal loro presidente, Andrea Parisse e dal socio anziano Adriano Eramo, i “temerari” hanno fatto tappa a Spello, dove sono stati ricevuti dal sindaco Moreno Landrini e da alcuni componenti della Giunta. Successivamente hanno raggiunto il centro di Assisi, accolti dal sindaco Stefania Proietti e dall’assessore Simone Pettirossi.

La successiva fase conviviale, partecipata da un centinaio di supporter abruzzesi,  è stata dedicata ai saluti e allo scambio dei doni. “Mi piace sottolineare – ha detto Stefania Proietti, sindaco di Assisi – il forte legame che unisce le nostre comunità e che il protocollo di collaborazione ha ulteriormente valorizzato; una strada ormai ben delineata, dove gli elementi sportivi si intrecciano con quelli religiosi e culturali”.

“Sport e cultura in prima linea – ha ribadito il sindaco di Pescina, Stefano Iulianella – affidando proprio al decennale l’organizzazione della serata finale del Premio letterario Fenice-Europa, di valenza internazionale; appuntamento che lega lettori abruzzesi e umbri da molti anni e che si terrà proprio a Pescina il prossimo 2 settembre”. Sono intervenuti anche l’assessore ai lavori pubblici di Spello, Flavio Righetti e l’assessore al bilancio di Bastia, Roberto Roscini. Hanno voluto portare il loro breve saluto anche il sindaco di Celano, Settimio Santilli e il vice sindaco di Assisi, Valter Stoppini.

La consegna dei doni ha raggiunto il momento più emozionante quando sono state assegnate, dai Comuni di Assisi e Spello, le targhe per il “decennale” (a sottolineare tenacia, passione e spirito sportivo) agli atleti pescinesi Adriano Eramo, Sergio Zauri, Gianfranco Tarquini, Andrea Parisse e Adelmo Puglielli. Il gruppo si è poi trasferito nella Basilica di San Francesco per la visita guidata e per la funzione religiosa.

L’iniziativa è stata coordinata da Domenico Di Mascio, con l’ausilio di Miranda Forte, Bruno Barbini, Giovanni Zavarella, Gaetano Castellani, presidente del Velo Club S. M. Angeli Racing e, per la parte abruzzese, di Antonio Fata, con il contributo di numerose associazioni angelane e pescinesi e con il supporto dell’Ufficio UNESCO del Comune di Assisi.

Il “pellegrinaggio” ad Assisi da parte dei cicloamatori di Pescina verrà ricambiato dagli aderenti al Velo Club S.M.Angeli Racing. “Ci porteremo nuovamente in terra abruzzese – dice il presidente del sodalizio umbro, Gaetano Castellani – Lo faremo proprio il 2 settembre, in occasione del Premio Fenice – Europa, per tenere alto non soltanto il valore di un impegno, ma anche quello dell’amicizia, che per noi tutti vale più di ogni altra cosa”.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*