Con il Cuore

Calendimaggio, nominati i tre giurati dell’edizione 2017, ecco chi sono

re esperti nel campo della musica, della storia e dello spettacolo

Calendimaggio, nominati i tre giurati dell'edizione 2017, ecco chi sono

Calendimaggio, nominati i tre giurati dell’edizione 2017, ecco chi sono
ASSISI – Oggi, 25 aprile, sono stati presentati i membri della giuria 2017 del Calendimaggio di Assisi. Nominati, quindi, i tre giurati, tre esperti nel campo della musica, della storia e dello spettacolo chiamati a decidere la quattro giorni di sfida.

ANDREA PORPORATI

Regista.

Nasce  a  Roma  nel  1964 . È  un  regista,  scrittore  e  sceneggiatore  italiano. Pubblica  nel  1990,  a  26  anni,  il  romanzo  “La  felicità  impura ”,  segnalato  dalla  critica  italiana  come  uno  dei migliori  esordi  dell’anno,  seguito  nel  1994  da  “Nessun  dolore ”,  entrambi  per  Mondadori. A   partire   dagli   anni   ’90   inizia   una   collaborazione  con  il  regista  Gianni   Amelio ,   con   il   quale  firma  la sceneggiatura  di  “Lamerica”,   che,   tra   gli   innumerevoli   premi   conquistati,   vince  il  premio  alla  regia alla  Mostra   del   cinema   di  Venezia  1994,  il  premio   Felix   della   European   Film   Academy  come  miglior film1994,  3  David  di  Donatello  1995 ,  il  Premio  Goya  1996  come  miglior  film  europeo . Negli   anni   successivi   firma   diversi   script  di  successo  pe r   il   cinema   e   la   tv.   Ricordiamo,  tra  gli  altri, “L’inchiesta”;  “Bartali”,  “I  Vicerè ”  e  alcune  edizioni  de  “La  Piovra “,  serie  che  consegue  uno  dei  più  grandi risultati  di  ascolti  mai  realizzati  dalla  Rai  e  il  record  di  vendite  all’estero  per  una  produzione  italiana. Nel  2000  esordisce  nella  regia  cinematografica  con  “Sole  negli  occhi ”,  vinc itore  del  Festival  di  Annecy  e  di molti  premi  e  festival  internazionali. Nel  2006  dirige  “Il  dolce  e  l’amaro ”  che,  per  quanto  opera  seconda  di  un  giovane  regista,  partecipa  nella selezione  ufficiale  al  concorso  per  il  Leone  d’oro  della  64ª  Mostra  del  cinema  di  Venezia . Nel  2010  Skycinema  gli  affida  il  ruolo  di  showrunner  di  “Faccia  d’angelo ”,  di  cui  cura  regia  e  sceneggiatura, la   cui   lavorazione   inizia   a   febbraio   2011  con  protagonista  Elio   Germano ,  attore   appena   incoronato  con la  Palma   d’oro  a   Cannes   2010.   Trasmessa   da   Skycinema  nel  marzo  2012,  “Faccia   d’angelo ”  realizza  il maggior  successo  di  ascolti  mai  conseguito  da  una  serie  originale  prodotta  da  Sky  e  vede  attribuito  a  Elio Germano   il  premio  per  il  miglior  attore  protagonista  di  miniserie  al  RomaFictionFest  2012. Dal  2012  è  docente  di  regia  alla  scuola  d’arte  cinematografica  Gianmaria  V olontè. Nel   2013   scrive  e  dirige  “Non   avere  paura   -­‐  Un’amicizia   con   Papa  Wojtyla ”,   tv   movie   per  Raifiction, incentrato  sulla  storia  del  campione  d’alpinismo  Lino  Zani  e  della  sua  amicizia  con  Karol  Wojtyla.  Il  film, andato   in   onda   il   27   aprile   2014   su   Raiuno   in   prima   serata,  registra  un’audience  media  di   23.5   punti  di share,  arrivando  a  fine  trasmissione  a  superare  il  30  per  cento,  miglior  risultato  della  serata  e  uno  dei  primi in  assoluto  della  stagione  per  la  rete. Nell’aprile   2015   viene   trasmesso   da   Raiuno  il  tv  movie  “Una   casa   nel  cuore ”  con  Cristiana Capotondi,  Simone   Montedoro  e  Giorgio   Colangeli  da   lui   diretto   che   raccoglie   il   miglior  risultato  di  share della  serata  ed  uno  dei  migliori  della  stagione. Attualmente  è  impegnato  nella  realizzazione  di  una  serie  tv  per  la  Rai  e  lavora  ad  una  trasposizione  tv  per una  coproduzione  internazionale  tratta  da  “Il  nome  della  rosa”  di  Umberto  Eco .

RAFFAELE DELUCA

Musicologo.

Di  nazionalità  italiana,  è  nato  a  Milano  l’8  gennaio  1972. È  diplomato  in  Pianoforte  presso  il  Conservatorio  di  Musica  di  Mantova,  e  laureato  in  Lettere,  con  indirizzo musicologico,   presso   l’Università   degli  Studi  di  Milano.   Ha   inoltre   conseguito   con   lode,  nel  2000,  il Magistero  in  Musica  Sacra  e  Canto  gregoriano  presso  il  Pontificio  Istituto  Ambrosiano  di  Musica  Sacra  di Milano,   con   una   tesi   sull’origine   della   polifonia   in   età   carolingia.  È  musicologo  e  direttore  di  c oro.  Ha insegnato   Bibliografia   musicale   presso   il   Conservatorio   di   Musica   di   Padova,  e  dal  2013  è  professore  e bibliotecario  presso  il  Conservatorio  di  Musica  di  Cuneo. Ha  collaborato  e  collabora  presso  importanti  biblioteche  storiche  e  musicali  italiane,   in  particolare  per  la catalogazione  scientifica  delle  fonti  musicali  antiche  e  storiche,  coordinando  numerosi  progetti  in  qualità  di responsabile   scientifico.   Collabora   stabilmente   presso  l’Archivio -­‐Biblioteca   dell’Accademia   Filarmonica  di Bologna,  la  Biblioteca  del  Conservatorio  di  Musica  “Giovan  Battista  Martini”  di  Bologna  e  la  Biblioteca  del Conservatorio  di  Musica  “Giuseppe  Verdi”  di  Milano. Ha  ideato,  curandone  progettazione  e  realizzazione,  diverse  mostre.  In  qualità  di  direttore  di  coro,  oltre all’attività  liturgico -­‐musicale  settimanale  e  concertistica,  ha  ideato  e  realizzato  progetti  musicali  e  attivato collaborazioni  internazionali  con  cori  e  musicologi  dall’Italia,  dalla  Germania  e  dagli  Stati  Uniti.  È  membro del  Consiglio  direttivo,  nonché  ideato re,  del  Centro  Studi  di  Musica  Sacra  Tomo  Quarto,  fondato  nel  2012 dai  Conservatori  di  Musica  di  Bologna  e  di  Milano.

STEFANO GASPARRI

Storico

Di  nazionalità  italiana,  è  nato  a  Roma  il  19  settembre  1949 .  Laureato  in  Storia  Medievale  all’Università  di Roma  I  La  Sapienza. Studioso  di  storia  dell’alto  medioevo,  se  ne  occupa  con  un  taglio  che  è  stato  dapprima  di  storia  po litico-­‐ istituzionale   e   sociale   e   che   in   seguito   si   è   aperto   anche   verso   altre  prospettive  di  ricerca  stimolate  dal crescente  interesse  per  la  riflessione  sulla  grande  questione  delle  identità  etniche  fra  tarda  antichità  e  alto medioevo,  che  lo  ha  portato  a  riflettere  sulla  critica  delle  fonti,  sul  rapporto  fra  storia  e  antropologia  e  su quello   fra   storia   e   archeologia,   tema   quest’ultimo   al   quale   ultimamente  ha  dedicato  sempre  maggiore attenzione. Ha  scritto  di  storia  italiana,  in  particolare  dell’età  longob arda,  ma  anche  dei  primi  tempi  di  Venezia  e  del periodo  carolingio  in  Italia.  Ha  studiato  inoltre,  per  i  secoli  centrali  e  tardi  del  medioevo,  il  problema  della cavalleria  nelle  città  italiane  centro -­‐settentrionali. Ha  partecipato  al  progetto  di  ricerca  internazionale  “The  Transformation  of  the  Roman  World”,  finanziato dalla   European   Science   Foundation,  dal  1994  al    1998.   Ha   fatto   parte   del   comitato  organizzatore  dei progetti  di  ricerca  internazionali  su  “Les  élites  aux  Haut  Moyen  Age”    e  “La  compétition  da ns  l’Haut  Moyen Age”. Fino   al   2012   ha   coordinato   il   gruppo   di   ricerca   che   sta   pubblicando  il  Corpus  epigrafico  medievale  del Veneto,  della  Lombardia  orientale  e  della  Romagna  fino  al  1199,  in  collegamento  con  il  Centro  Italiano  di Studi  sull’Alto  Medioevo . È  stato  direttore  della  rivista  “Storia  e  dossier”  (fino  al  1989). È  stato  membro  del  comitato  scientifico  della  rivista  “Mélanges  de  l’Ecole  Francaise  de  Rome.  Moyen  Age” nel  biennio  2001 -­‐2002. È   uno   dei   fondatori   del   sito   web   “Reti  Medievali.  Inizia tive   on  line  per   gli   studi   medievalistici”  ed attualmente  membro  del  Comitato  scientifico. È  membro  del  Comitato  scientifico  dell’Istituto  italiano  per  il  Medioevo. È  direttore,  oltre  a  esserne  stato  uno  dei  fondatori,  del  Centro  interuniversitario  per  la  storia  e  l’archeologia dell’alto  medio  (SAAME) ,  cui  partecipano  le  Università  di  Bologna,  Padova,  Siena,  Ca’  Foscari  Venezia. Direttore  della  collana  degli  Atti  dei  Seminari  internazionali  e  della  collana  di  monografie  “Altomedioevo” (centro  SAAME). È  il  Presidente  della  Società  degli  storici  medievisti  italiani  (SISMED),  essendo  stato  eletto  a  Bologna  il  18 aprile  2015  per  il  triennio  2015 -­‐17.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*