I canti di Calendimaggio ad Assisi, sessant’anni di storia e cronistoria

Con la Vocale Commedia Harmonica a Santa Chiarella

Foto dal sito del Calendimaggio

I canti di Calendimaggio ad Assisi, sessant’anni di storia e cronistoria  ASSISI – Martedì 21 marzo alle ore 21, primo giorno di Primavera,  l’Insieme Vocale Commedia Harmonica presso l’Oratorio di Santa Chiarella in Assisi, luogo ormai consolidato da un ottimo calendario artistico di variati avvenimenti culturali, si tiene un incontro che nelle intenzioni degli organizzatori non intende essere né un concerto né tantomeno un amarcord nostalgico dei tempi che furono.

SARA’ UN DIALOGO
Piuttosto dialogo fra esecutori e presenti intorno ad ascolti- racconti- testimonianze- riflessioni di quanto appartiene alla Festa più amata dagli Assisisani: il Calendimaggio.

L’IMPUT DELLA SERATA

L’input della serata è dettato da una semplice osservazione: partendo dal  cos’era ieri  la tradizione assisana del cantar maggio che risale alla notte dei tempi, arrivare a riflettere sul cos’è oggi  dopo la sua costituzione del 1954.

Un interessante viaggio nel tempo della Festa, dalle prime edizioni in “bianco e nero” a quelle più recenti “a colori”, corredato  da un video con immagini ormai lontane  e, ovviamente, da canti corali partendo dal primo brano d’obbligo del 1954 ad altri più vicini a noi.

Interessante sarà la discussione che potrà liberamente avviarsi durante la serata.

In particolare, oltre ai ricordi di coloro che sono stati protagonisti in primis di diverse edizioni,  soffermarsi  su quanto il calendimaggio abbia determinato direttamente nella società assisana nonché in quello indiretto dei movimenti sociopolitici… dei film realizzati in Assisi… delle partecipazioni di professionisti del repertorio antico…

CALENDIMAGGIO FESTA DEGLI ASSISANI

Dall’ascolto dal vivo di canti ormai storici del repertorio corale e dal racconto di avvenimenti, storia e cronistoria del calendimaggio, nascerà soprattutto una semplice riflessione: il Calendimaggio festa degli Assisani è di tutti e di nessuno.

Pertanto va tramandato grazie a coloro che ad ogni edizione si prestano alla sua realizzazione e sanno conservare e preservare la sua fisionomia da ogni alterazione.

L’ingresso alla serata è libero e obbligatorio per tutti coloro che amano il Calendimaggio.


Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*