Antenna zona stadio, non si può parlare solo di penali

Antenna zona stadio, non si può parlare solo di penali

Antenna zona stadio, non si può parlare solo di penali
Che si rispetti tutta la comunità e che in futuro ci sia maggiore dialogo ed informazione fra Comune e i cittadini su scelte così delicate

dal Comitato Zona Stadio – Abbiamo appreso da un giornale che lo spostamento dell’antenna istallata presso lo stadio costerà al comune 150.000 euro. Da una parte siamo felici perché finalmente si è capito che c’è la possibilità di delocalizzare , come anche dichiarato dal gestore nell’ incontro del 04.12.2015, sempre che il comune sia disposto a ricollocarla come richiesto.

Da una parte siamo allarmati e delusi perché non ci sembra corretto parlare ora di penali quando si poteva fare una scelta più corretta mesi fa. Il Comune poteva, come anche richiesto dalla Telecom Italia Spa, istallare tutto sul palo preesistente, magari anche cambiando solo il palo per supportare un altro elemento e questo almeno, a livello paesaggistico, sarebbe stata una scelta più oculata e di buon senso oppure si poteva trovare un’altra localizzazione invece di posizionare una nuova antenna a ridosso di un centro abitato già provato dall’istallazione di una preesistente.

Riteniamo che invece di parlare di penali il comune debba trovare il modo di porre rimedio ad una scelta sbagliata , allungando magari la concessione al gestore telefonico, senza far pesare sulle casse comunali alcunchè.

Abbiamo fiducia nella Commissione speciale per le antenne affinchè faccia luce sulle motivazioni della scelta operata dagli uffici comunali e trovi alternative adeguate che non comportino un peso sul bilancio del comune.

Confidiamo che il Sindaco insieme alla giunta e alla commissione trovino un soluzione a questo problema che sta a cuore alla cittadinanza, che si rispetti tutta la comunità e che in futuro ci sia maggiore dialogo ed informazione fra Comune e i cittadini su scelte così delicate.

Antenna zona stadio

 

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*