Antenna del Caminaccio, a Narni vince la buona politica. E ad Assisi?

Antenna del Caminaccio, a Narni vince la buona politica. E ad Assisi?

Antenna del Caminaccio, a Narni vince la buona politica. E ad Assisi?
A Narni il Sindaco rivede gli accordi con la compagnia telefonica, ad Assisi invece…

dal Comitato del Caminaccio – ASSISI – Il sindaco di Narni Fancesco De Rebotti decide di revocare le autorizzazioni per la grande antenna di telefonia mobile che doveva sorgere vicino al centro abitato e alle scuole; 1300 firme sono state raccolte dal Comitato anti antenna tante quante ne sono state raccolte per l’antenna del Caminaccio, ma qua ad Assisi l’amministrazione non cede, arroccata nel suo palazzo, lontana dalle esigenze dei cittadini, pensa ancora sia possibile governare con quest’attitudine.

A Narni il Sindaco rivede gli accordi con la compagnia telefonica, qua ad Assisi invece sembra che non ci resti che essere ostaggi della compagnia telefonica dato che il Sindaco non può, non vuole, non riesce a venire a patti.

Assisi che dovrebbe essere faro e dare il buon esempio, la terra di San Francesco, la terra che incarna lo spirito dell’enciclica verde di Papa Francesco rimane indietro.

Il Comitato del Caminaccio si unisce alla gioia e alla soddisfazione del Comitato di Narni e auspica che anche per Assisi la storia possa andare a buon fine e si augura ancora una volta che l’Amministrazione si ravveda, apra un tavolo tecnico con la compagnia telefonica per una delocalizzazione, come è accaduto a Narni. Narni crea un precedente che non può essere ignorato. Come a Narni può succedere anche ad Assisi, se c’è la volontà e il buon governo.

Oggi il caso sull’antenna del Caminaccio è andato in onda sulla rete nazionale, Rai 3, durante la trasmissione “Ambiente Italia” ed è intervenuto in proposito il Prof. Ugo Mattei giurista, professore di diritto internazionale comparato all’Hastings College of the Law dell’Università della California a San Francisco, affermando che “e’ giusto che alcuni beni comuni non siano negoziabili e che bisogna trovare il modo di contemperare le esigenze”. Dopo la nota del Prof. D’Atanasio, emerito storico dell’arte, anche un famoso italiano di fama internazionale spende parole di sostegno per il Caminaccio.

Lunedì ci sarà il Consiglio Comunale durante il quale si discuteranno la mozione e le interrogazioni sull’antenna del Caminaccio e quella dello Stadio di Santa Maria degli Angeli dove anche si sta vivendo una situazione di grave disagio per le antenne posizionate al campo sportivo dove giocano i bambini, ancora una volta scelte sbagliate che ricadono su di loro e non solo. Condividendo le stesse problematiche e gli stessi valori il Comitato del Caminaccio e il neo costituito Comitato dello Stadio agiranno con azioni concertate e coordinate per la difesa dei diritti di molti cittadini che ci hanno chiesto di essere rappresentati.

Allora tutti insieme per dire: Noi ci siamo! Ci vediamo lunedì.

Antenna del Caminaccio

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*