Antenna via del Caminaccio, incontro wind-comune, si cerca la delocalizzazione

Antenna via del Caminaccio, incontro wind-comune, si cerca la delocalizzazione

Antenna via del Caminaccio, incontro wind-comune, si cerca la delocalizzazione
Il Comitato ha potuto esporre alla Wind le ragioni della cittadinanza

dal Comitato no antenna via del Caminaccio
Stamattina alle ore 10 presso l’ufficio del Sindaco a Santa Maria degli Angeli si è tenuta la riunione con il gestore telefonico Wind, presenti il Sindaco, la Giunta, l’ingegnere capo del comune e la Presidente del Consiglio Comunale. Alla fine dell’incontro un responsabile del Comitato Caminaccio è stato invitato dal Sindaco ad esporre le ragioni dei cittadini e a spiegare cosa il Comitato si auspica e cioè la delocalizzazione. Ad accogliere i rappresentanti del Comune e della Wind una ventina di persone del Comitato in rappresentanza delle tante che stamani avrebbero voluto esserci e che compostamente hanno “protestato” (che ricordiamo significa etimologicamente: “dichiarare pubblicamente la propria volontà”) mostrando i cartelli: “delocalizzare a 500 mt” e “perchè proprio lì?”.

Innanzitutto vorremmo ringraziare il Sindaco e Giunta per averci invitati, come da nostra richiesta, e abbiamo anche molto apprezzato l’invito alla Presidente del Consiglio Comunale.  Le decisioni dell’incontro non sono state rivelate, ma da indiscrezioni si è potuto capire che la Società Wind si è mostrata disponibile a valutare una delocalizzazione anche se deve verificarne la fattibilità e deve avere l’avvallo dell’amministratore delegato prima di procedere ad eventuali cambiamenti nei lavori. I rappresentanti di Wind hanno apprezzato l’atteggiamento di apertura e disponibilità del Comune come la “protesta” sì ma pacifica ed educata del Comitato, cosa che non sempre avviene in questi termini in altri territori.

Il Comitato ha fatto presente che si auspica la delocalizzazione nel parcheggio indicato a 500 mt dal sito odierno, proprio perchè non impattante a livello paesaggistico e defilato da abitazioni, scuole e servizi. Sempre da indiscrezioni però sembrerebbe che qualcuno presente abbia invece proposto come delocalizzazione anche un parcheggio a 170 mt, noi ovviamente non siamo d’accordo. Tutta questa confusione per spostarsi di 170 mt? Improponibile, anche perchè verificando sul posto il parcheggio in questione sembrerebbe non esistere, esiste come zona predisposta a parcheggio sulla carta. E allora che facciamo?  togliamo un area al momento verde, cementifichiamo, spendiamo i soldi per approntare un parcheggio? per cosa? per non utilizzare il parcheggio che noi proponiamo? e allora la domanda sorge spontanea: perchè non si vuole utilizzare quel parcheggio?

Ma se in fase di richiesta di spostamento da parte del Comune si offre a Wind un parcheggio (peraltro inesistente attualmente) che non risolve la situazione, la domanda è : a che gioco stiamo giocando? Vorremmo risposte e vorremo anche che oltre al Sindaco e la Giunta tutti collaborassero in modo più chiaro.

Intanto la Presidente della Terza Commissione Claudia Travicelli ha convocato la Commissione Consiliare per giovedì mattina ore 9, commissione ricordiamo deputata alla creazione di una commissione speciale di indagine sulle antenne con la presenza di tutte le parti coinvolte (anche i Comitati quindi) per concertare la delocalizzazione e creare strumenti di supporto ai Comitati. Vediamo se stavolta tutti i consiglieri si presenteranno e non faranno nuovamente saltare il tutto, speriamo.

Noi siamo comunque fiduciosi e vogliamo ringraziare nuovamente il Sindaco per la possibilità di essere stati presenti questa mattina e sopratutto per sostenerci in questo percorso di delocalizzazione; se così sarà sarà la vittoria di tutti: dei cittadini, del Comune e della Wind che si mostrerà società attenta alle questioni paesaggistiche e alla preservazione di un territorio, quello di Assisi, che ricordiamo ancora una volta è Patrimonio Mondiale Unesco e uno posto altamente simbolico a livello mondiale.

Caminaccio Incontro Comune

Flickr Album Gallery Powered By: Weblizar

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*