Unipegaso

Assisi aderisce alla “Carta dei diritti delle persone con sclerosi multipla”

Concerto di Natale ad Assisi con Bakanova, Campanelli e Noa

da Serena Morosi – Assessore Città di Assisi
Su proposta dell’Assessorato alle Politiche Sociali, sensibile a sostenere il diritto di Tutti a perseguire la migliore qualità di vita possibile, la Giunta cittadina ha deliberato all’unanimità l’adesione della Città di Assisi alla Carta dei diritti dei malati di sclerosi multipla, che verrà sottoscritta dal Sindaco Claudio Ricci.

Il fine è quello di dare risalto alle istanze di coloro che sono colpiti da una malattia che ha forte impatto sulla vita delle persone coinvolte e della comunità di cui fanno parte.

La “Carta dei diritti delle persone con sclerosi multipla” è un documento presentato a livello nazionale contenente i sette diritti principali dei malati: salute, ricerca, autodeterminazione, inclusione, lavoro, informazione e partecipazione attiva. Primo firmatario della Carta è stato il Ministro Beatrice Lorenzin.

Solo in Italia 72.000 persone sono colpite da sclerosi multipla, una patologia che viene diagnosticata soprattutto quando si è giovani, tra i 20 e i 40 anni, nei momenti più ricchi di progetti e prospettive.

Dimostrare attenzione e vicinanza a queste persone è semplicemente una questione di civiltà. Sostenere le persone più deboli, per far sì che nessuno nella nostra Città rimanga indietro è tra gli obiettivi irrinunciabili di questo Assessorato, anche in attuazione delle finalità statutarie del Comune di Assisi, teso a promuovere la cultura dell’integrazione sociale, della solidarietà, dei diritti delle persone in condizioni di disabilità.

E’ in questa direzione che va dunque l’adesione della nostra Città alla Carta dell’Aism: un segnale attraverso il quale si vuole confermare il nostro impegno a favore delle persone con disabilità. Attraverso atti simbolici come questa sottoscrizione, il Comune di Assisi ribadisce dunque il proprio impegno etico, civile e responsabile.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*