Assisi, il Turismo cresce, difesa ferma del punto nascita

ASSISI – Il Sindaco Claudio Ricci interviene su due temi importanti per il territorio: lo sviluppo economico e il punto nascita.
Sullo sviluppo economico il territorio di Assisi, grazie alla promozione, gli eventi, le nuove infrastrutture e la comunicazione legata a Papa Francesco, ha fatto registrare un +6% di presenze turistiche nel 2013 (rispetto al -18% riscontrato su scala nazionale nelle città d’arte). Inoltre il nuovo piano regolatore generare (in itinere di approvazione) e il contenimento delle tasse (non applicata la mini IMU, non applicata l’addizionale IRPEF posta a zero, non applicata la tassa di soggiorno, non aumentate le te riffe sociale) stanno “sostenendo l’economia” in un quadro italiano e internazionale complesso. Nel bilancio comunale 2014 ci sarà una “forte attenzione”, e specifiche azioni, per il sostegno delle piccole e medie attività.

Per quanto attiene al punto nascita di Assisi la posizione del Sindaco Claudio Ricci é, in linea con la Giunta e il Consiglio Comunale, molto ferma: il punto nascita di Assisi deve rimanere ed essere potenziato (era arrivato ad avere oltre 700 nascite all’anno, prima che venisse privato del primato), molti voglio venire a nascere ad Assisi (da tutta l’Umbria) e, soprattutto nel tempo di Papa Francesco, deve rimanere la possibilità di avere bambini di nome Francesco e bambine di nome Chiara nati/e ad Assisi. Peraltro anche in questo momento i numeri dei nati ad Assisi sono analoghi ad altri punti nascita che, stando alle citazioni stampa, verranno mantenuti. Siamo pronti, per la difesa del punto nascita, ad ogni tipo di ricorso e azione di protesta, nessuna escluda, e, comunque, nei prossimi giorni si invierà una comunicazione al Ministro della Sanità (con richiesta di incontro) per rappresentare tale esigenza (Foto, una delle proteste recenti).

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*