Assisi, più l’ Opposizione è contro e più obiettivi raggiunge l’Amministrazione

Claudio Ricci

(assisioggi.it) ASSISI – L’opposizione “sempre contro” (come fa un ex amministratore) “porta bene” per raggiungere più risultati. Facciamo tre esempi. Sulla candidatura Perugia, Assisi e Umbria, a capitale europea della cultura, hanno “criticato per anni sperando nella disfatta” risultato: un grande successo e, delle 21 candidate ufficiali, Assisi è entra in finale a 6 per il titolo (potendo anche fluire dei benefici della legge Italia 2019 in itinere).

Secondo esempio: per anni, invece di partecipare alle manifestazioni di sostegno, hanno strumentalizzato la chiusura del corso di laurea sul turismo per andare “contro l’amministrazione comunale”; risultato: il nuovo Rettore ha deciso di riavviare la progettazione dei corsi universitari sul turismo che verranno attivati dai prossimi anni accademici.

Terzo esempio: per anni hanno criticato coloro che manifestavano contro la chiusura del punto nascita all’ospedale di Assisi; risultato: il punto nascita è ancora aperto. Per quanto attiene all’Ufficio del Giudice di Pace di Assisi “non sanno” (eppure la proposta è stata approvata dal Consiglio Comunale) che i Comuni inclusi in questa prima lista di sedi, tenute aperte, si dovranno accollare tutti i costi anche quelli del personale (con un aumento degli oneri di gestione poco sostenibile per le “tenuta” dei bilancio comunali e che porterebbero ad un aumento delle tasse).

Il Comune di Assisi “saggiamente”, per non aumentare le tasse ai cittadini (siamo grati all’Assessore Moreno Massucci), ha optato per la “seconda possibilità”: quella di rientrare in quegli Uffici del Giudice di Pace che “saranno tenuti aperti” senza accollare sul Comune i costi del personale (ma solo quelli di gestione della struttura). Ancora una volta l’opposizione con le sue critiche strumentali “portata bene” per raggiungere i migliori risultati: sono doverosi i ringraziamenti con gli inviti alle prossime inaugurazioni.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*