Assisi, strutture ricettive, 12 titolari denunciati per violazioni

Tassa di Soggiorno, Tamburi: "Si vuole e non si vuole...si potrebbe ma aspettiamo..."

ASSISI – Attuati ad Assisi servizi di straordinari di monitoraggio e controllo nei confronti delle attività ricettive alberghiere ed extralberghiere del comprensorio. L’attività, disposta dal Questore Carmelo Gugliotta, tuttora in atto, è stata avviata all’indomani del suo insediamento dagli agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Assisi, diretto dal Commissario Capo Dr.ssa Francesca Domenica DI LUCA, con il supporto del Reparto Prevenzione Crimine di Perugia.

Contestate violazioni di natura amministrativa per oltre 11.000 €. per violazioni alla Legge Regionale sul Turismo ed al T.U.L.P.S..

Denunciate alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia dodici persone, tra titolari e gestori di strutture ricettive, che contravvenendo il disposto dell’art. 109 del T.U.L.P.S. avevano omesso di registrare e notificare la presenza di alloggiati.

A tal proposito, si rammenta che l’art. 109 del R.D. 18.6.1931 n 773, meglio conosciuto come Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L..P.S.) impone a titolari e gestori di attività ricettive di non fornire alloggio a persone non munite di documento d’identità, di registrare gli ospiti tramite una schedina e di notificare la presenza all’Autorità di Pubblica Sicurezza.

Nonostante che la norma sia datata e gli interventi recenti del legislatore, questi tre punti (identificazione – registrazione – notifica) non hanno subito sostanziali modifiche se non per quanto attiene le modalità attuative.

Per adeguare il sistema ai tempi e agevolare l’operato degli operatori del settore, grazie allo sviluppo della tecnologia delle comunicazioni, il D.M. 7.1.2013 ha disposto che la notifica alla Autorità di P.S. avvenga con mezzi informatici e telematici attraverso un collegametno telematico al portale “alloggiati web” della Polizia di Stato.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*