Aveva spinelli camuffati da sigarette, polizia Assisi denuncia bastiolo 50enne

Già da tempo gli investigatori del Commissariato di Assisi, diretto dal Commissario Capo Francesca D. Di Luca, si erano messi sulle tracce di un pregiudicato cinquantenne, già arrestato nel 2010 per detenzione al fine di spaccio di cocaina, individuato da una intensa e articolata attività info investigativa come uno degli spacciatori più attivi della zona del comprensorio di Bastia.

Recentemente, nel corso di un servizio mattutino di controllo e prevenzione predisposto negli orari di entrata e di uscita dalle scuole, gli agenti di polizia in borghese riescono a riconoscere all’interno di un’autovettura il noto spacciatore.

Vista la circostanza si decideva di avviare un’attività di appostamento e pedinamento dell’uomo; qualche giorno fa i poliziotti hanno presidiato la sua abitazione nei pressi della quale era stata parcheggiata l’auto a bordo della quale l’uomo era stato avvistato.

Dopo qualche ora l’uomo scendeva e si metteva in macchina. Il viaggio è durato ben poco però, perché gli uomini della squadra anticrimine coordinati sul campo dall’Isp.C. Valer Stoppini, riuscivano a bloccare l’auto.

L’uomo, nervoso e visibilmente alterato, veniva sottoposto a perquisizione personale che dava esito positivo.

Gli venivano infatti trovati addosso, nella tasca della giacca, due pezzi di hashish del peso di circa 3 grammi e un pacchetto di sigarette contenente due spinelli che non erano stati prodotti in modo convenzionale, attraverso le cartine e filtri.

Si trattava infatti di sigarette apparentemente normali, svuotate del loro tabacco che, dopo essere stato mischiato con la sostanza stupefacente, era stato ricollocato all’interno della convenzionale sigaretta.

Anche il filtro era stato manomesso: smembrato e alleggerito per poterne aspirare meglio il contenuto.

Questo speciale confezionamento avrebbe permesso all’uomo di vendere droga che può essere assunta in ogni situazione e ambiente senza temere di essere scoperti.

Non solo hashish ma anche la polvere bianca tra i prodotti di spaccio dell’uomo. Nella tasca dei pantaloni veniva infatti rinvenuto un involucro di cellophane contenente dello stupefacente tipo cocaina del peso di grammi 3.

Visto l’esito positivo della perquisizione personale si decideva di estenderla anche alla sua abitazione, dove i poliziotti hanno dovuto fare i conti con la rabbia di una moglie delusa per aver scoperto questo ulteriore tradimento del marito e con la prioritaria esigenza di proteggere e tutelare i due figli presenti.

Nel salone dell’abitazione, ben nascosti all’interno di un mobile, si rinvenivano due pezzi di sostanza stupefacente tipo hashish del peso complessivo di circa 7 grammi.

Per lui è scattata la denuncia per spaccio di sostanze stupefacenti e l’attesa di un processo, ma la condanna della sua famiglia è già arrivata.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*