Unipegaso

Benzina in aumento ma ci chiediamo il perché?

Fra pochi giorni il costo a barile del greggio aumenterà nuovamente e inevitabilmente influirà sul costo a litro aumentando sulle teste di ogni automobilista.

Su ogni litro il carico fiscale grava del 72% ma forse nessuno si ricorderà che continuiamo a pagare balzelli contributivi – le famose accise – che risalgono addirittura al 1945 (c’è il contributo alla tragedia del Vajont 1966). Così mentre ogni governo si fregia di riformare la macchina burocratica statale.

Il caro Renzi si esalta con una riforma fantasma al mese: Tutti zitti e il branco parlamentare continua a urlare e non fare nulla per i contribuenti elettori.

“Basterebbe una minima imposta del 20% su ogni litro di carburante abbassando il costo medio a 0,70-0,80 centesimi di euro dando a ogni cittadino di poter risparmiare su un pieno auto annuale.

L’auto ormai è un bene di lusso ed è accessibile a pochi: Ma è un mezzo di servizio e lavoro necessario per tutti e non solo a chi ha grossi mezzi economici”.

Questo quello che si auspica Francesco Morini presidente del Club Forza Silvio di Assisi per un futuro sempre meno roseo.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*