Centro accoglienza Caritas, venti anni di accoglienza

Papa Francesco (credit Andrea Cova)

ASSISI – Venti anni di accoglienza, dal 1994 nel centro storico di Assisi, luogo di passaggio di viandanti da ogni parte del mondo alla struttura vicino alla stazione di Santa Maria degli Angeli. E’ anche questo il segno di una “Chiesa gioiosa e missionaria” che giovedì 4 e venerdì 5 settembre, in occasione dell’assemblea diocesana, celebrerà i vent’anni della fondazione del Centro di prima accoglienza della Caritas.

In questi anni, come sottolinea l’ex direttore della Caritas diocesana padre Vittorio Viola in un’intervista sul bollettino diocesano “Chiesa Insieme” il fenomeno povertà ha avuto una crescita esponenziale.

“Ci sono situazioni che potremmo dire croniche ma ci sono nuove forme di povertà legate alla crisi economica che è anche crisi dei valori: i nuovi volti delle dipendenze (penso ad esempio a quelle del gioco d’azzardo), la perdita del lavoro, le crisi familiari, la solitudine degli anziani, gli immigrati sopravvissuti al deserto e al mare ma che non riescono a superare l’ostacolo di un permesso di soggiorno. In Umbria – continua padre Viola – ci sono oltre 36mila famiglie povere.

Il dato è pari al 9 per cento delle famiglie della regione, di queste circa 6.300 versano in uno stato di estrema gravità mentre altre 19mila sono appena al di sopra della soglia di povertà. Questo esito è stato ottenuto calcolando la spesa per i consumi, ma se invece si considera il reddito familiare disponibile, gli umbri a rischio povertà sono circa 109mila”.

E’ per questo che la Diocesi ha deciso di concludere l’assemblea, che affronterà i temi della crisi della famiglia e dei valori attraverso la relazione di giovedì 4 settembre del cardinale Walter Kasper, la presentazione delle linee pastorali da parte del vescovo Domenico Sorrentino e l’intervento di monsignor Nazzareno Marconi il 5 settembre, con la visita al centro di accoglienza di Santa Maria degli Angeli dove opera la Fondazione dei Santi Rufino e Rinaldo e dove da due settimane è attiva una piccola comunità di frati minori.

Il momento di fraternità sarà l’occasione per consegnare un riconoscimento ai direttori della Caritas che si sono succeduti e proiettare un video sui vent’anni del centro dove il 4 ottobre Papa Francesco ha pranzato con gli “ultimi”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*