Città pulita, Miglioriamo il servizio di gestione dei rifiuti

Beni culturali e artistici di Assisi, Pettirossi: "Un tesoro da valorizzare"

da Simone Pettirossi (Capogruppo PD Assisi)
Nel nostro territorio comunale la gestione dei rifiuti manifesta ancora delle problematiche che vanno affrontate urgentemente.

Alcune di quelle più spesso lamentate dai cittadini sono:
1) la presenza di mucchi di sacchetti lasciati ovunque, anche in vie limitrofe a luoghi ad alta intensità turistica, come la stazione ferroviaria e la Porziuncola;
2) il mancato avvio della raccolta differenziata nel centro storico e la scarsa pulizia di alcuni vicoli, in cui si trovano frequentemente escrementi di piccioni, forazze otturate, sporcizia;
4) la scarsa manutenzione e cura di molte aree verdi e spazi pubblici nel territorio comunale;
5) la riduzione di alcuni servizi come l’eliminazione dei cassoni per la raccolta dell’erba tagliata.

Per queste ragioni abbiamo presentato una mozione con cui avanziamo delle proposte finalizzate ad aprire una discussione e individuare delle soluzioni ragionevoli e concrete.

***

Mozione – Città pulita

Al Sindaco di Assisi
Ing. Claudio Ricci

Al Presidente del Consiglio comunale
Dott.ssa Patrizia Buini

Oggetto: Città pulita – Miglioriamo il servizio di gestione dei rifiuti

Il sottoscritto Simone Pettirossi, capogruppo del PD,

Appurato che ci sono ancora molte problematiche legate alla gestione rifiuti e in particolare:

1) a Santa Maria degli Angeli e in altre zone del territorio comunale sono evidenziate frequentemente dai cittadini delle situazioni di degrado, a causa di sacchetti della spazzatura e di altri rifiuti lasciati ovunque, anche in vie limitrofe a luoghi ad altissimo flusso turistico come la Porziuncola e la stazione ferroviaria;

2) nel centro storico di Assisi la raccolta differenziata non è stata ancora attivata e la pulizia di alcuni vicoli lascia a desiderare (presenza di escrementi di piccione, sporcizia, forazze intasate, ecc.);

3) in molte zone del territorio comunale la manutenzione e la pulizia degli spazi pubblici e delle aree verdi è insufficiente;

4) i cittadini virtuosi e corretti sono trattati allo stesso modo di quelli scorretti;

CHIEDE

che il Consiglio comunale impegni la Giunta a valutare le modalità e i sistemi più opportuni per:

1) installare nei pressi dei palazzi condominiali con molti appartamenti (ad esempio “portali”, via Patrono d’Italia, ecc.) dei cassonetti specifici, utilizzabili solo dai residenti del condominio (o della scala), che dovranno essere muniti di chiave o tessera magnetica, al fine di evitare lo scempio di decine di sacchetti lasciati in strada nei pressi di zone ad alto flusso turistico;

2) aumentare la frequenza dello spazzamento (anche a piedi o con piccoli mezzi) nel centro storico e nei principali punti di attrazione turistica del territorio comunale, in particolare nei giorni in cui ci sono più visitatori;

3) migliorare la cura delle aree verdi (taglio erba, raccolta rifiuti, manutenzione) di tutto il territorio comunale;

4) attivare la raccolta differenziata in tutto il comune, compreso il centro storico (prevedendo in alcuni casi la soluzione di cui al punto 1, cassonetti con chiave, per garantire il decoro urbano in un area ad alto flusso turistico);

5) attuare una informazione e una sensibilizzazione più capillare e puntuale sulle modalità per effettuate una raccolta differenziata corretta;

6) prevedere sconti della TARI (tassa sui rifiuti) per i cittadini virtuosi, come avviene già in tanti altri comuni, in base alla quantità di materiali riciclabili conferiti direttamente all’Isola ecologica (ferro, alluminio, plastica, carta, vetro, pile, farmaci, ecc.);

7) attivare collaborazioni pubblico-private, in un’ottica di sussidiarietà, che prevedano sconti sulla TARI per coloro che aiutino a mantenere pulita la città, dato che già oggi alcune aree sono tenute in ordine dai residenti, che del tutto gratuitamente svuotano le forazze, spazzano il vicolo davanti casa, tagliano l’erba dell’area verde comunale, ecc.

8) sanzionare coloro che hanno comportamenti scorretti e che danneggiano tutta la collettività.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*