Claudio Ricci: “Attivare subito centrale unica sanitaria di acquisto per risparmiare e fare di più”

Vertenza Colussi, Ricci, crisi che aggraverebbe la situazione in Umbria

Claudio Ricci, candidato presidente della Regione Umbria, si “metterà in ascolto”, sabato 21 febbraio (dalle 15 alle 18) a Perugia e domenica 22 (dalle 10 alle 13) a Terni, dei rappresentanti delle categorie socio economiche, culturali e sindacali, dei coordinatori dei comitati “noi per il cambiamento” e dei cittadini al fine di “acquisire proposte” per il programma di governo dell’Umbria 2015/2020.

Sarà un “primo orientamento sul programma” e ognuno potrà (in un massimo di 5 minuti) presentare una sola idea progetto per l’Umbria consegnando, eventualmente, un documento scritto di “mezza cartella” (occorre orientare il nostro fare a semplicità, sintesi e concretezza).

Sul piano programmatico Claudio Ricci ricorda che, in materia di sanità, sarà importante dare “piena e operativa attuazione” al centro unico di acquisti (per risparmiare e, con questo, fare di più, erogate migliori servizi e diminuire le tasse/ticket). Inoltre ormai, pur dovendo rimanente la sanità pubblica, occorre utilizzare “molto di più” servizi esterni forniti da privati e associazioni integrando meglio i piccoli ospedali con i grandi al fine di ridurre i tempi di attesa e, anche, le “tante barelle – letti provvisori – nelle corsie” (come si vede nei grandi ospedali e a Perugia)

Ovviamente occorre progettare un “sistema sanitario integrato”, sul piano organizzativo, comunque consolidando due sedi principali a Perugia e Terni.

Sul metodo, per costruire il programma, ci sarà un grande cambiamento: mentre l’attuale governo regionale pensa di fare (si legge) un “grande incontro umbro” (tipo Leopolda) noi, nel nostro stile, viaggeremo luogo per luogo, vicino alla gente, uscendo dai palazzi e andando nelle piazze e nelle strade.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*