I commercianti di via Becchetti protestano in strada. Lunghi: “Domani si riapre”

“Domattina riapriamo e l’orario di apertura e chiusura di via Becchetti resterà lo stesso”, è quanto ha dichiarato, come riferitoci da uno dei commercianti della popolosa via angelana, il vicesindaco di Assisi, Antonio Lunghi. L’amministratore, a seguito della protesta dei commercianti di Santa Maria degli Angeli  – riportata sulle pagine di Assisioggi – questa mattina si è precipitato in via Becchetti per ascoltare le ragioni popolari. “Lunghi – dice Jacopo Baldoni, titolare di un bar – ci ha detto che si trattava di lavori che andavano fatti prima della fine dell’anno, altrimenti si perdevano i contributi regionali”. Secondo quanto viene riferito, Lunghi avrebbe detto che i commercianti erano stati avvisati dei lavori che erano stati programmati. “Qui gli abbiamo quasi dato addosso – afferma l’esercente –, in quanto nessuno ci ha avvertito. Ci ha comune promesso che si tratta di lavori che serviranno per eliminare quelle antiestetiche barriere biancorosse e, quindi, per dare un decoro alla via”. Di fatto via Becchetti sarà chiusa in estate, con il nuovo dispositivo che sarà installato, sempre dalle 19,45 per essere riaperta al mattino. Chiusa anche  nei giorni festivi e le feste comandate.  L’inverno resterà sempre aperta. “Per quanto concerne i giorni di festa nel periodo invernale – aggiunge il titolare del bar – non ci è stato detto nulla. Noi avremmo voluto non chiudere, in quanto in inverno di persone a passeggio non ce ne sono tante”.

La reazione della Amministrazione assisiate, quindi, ci sarebbe stata subito “dopo tre giorni”. Questa mattina, una improvvisata conferenza stampa in strada da parte dei commercianti. “In questa via – dice un gioielliere – c’è un po’ di tutto, dalla ristorazione, alle caffetterie ai bar, dagli articoli da regalo, alle gioiellerie e poi intimo e scuola guida. Articoli – continua che durante il periodo di Natale sono i più venduti rispetto ad altri periodi dell’anno, ci sono attività che in questi giorni dovrebbero fare incassi che vanno a coprire le lacune che si sarebbero nei mesi di morti”. Dicembre è un periodo importante dell’anno. Si è a ridosso delle festività natalizie e il danno che crea la chiusura delle strada è enorme. I negozi hanno tanta roba da vendere per Natale e se la strada chiusa anche per 3 o 4 giorni arreca danno di impresa indescrivibile. “Il calo delle vendite – dice un pasticcere – si è notato subito, in pasticceria nei giorni scorsi ho buttato via quaranta cornetti perché non è passato nessuno a fare colazione”. Sono circa una trentina gli esercizi commerciali presenti su tutta via Becchetti comprese le vie ad essa parallele. I commercianti della via si erano rivolti all’assessore Fortini, ma la delega non è sua. Il progetto era del vicesindaco Lunghi e Lunghi è arrivato!

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*