Consiglio deserto, Sindaco: “Abbiamo degli impegni non derogabili”

Assisi, rendiconto di Bilancio 2015, ecco i numeri

Consiglio deserto, Sindaco: “Abbiamo degli impegni non derogabili”
Antonio Lunghi: “Sento dei rumors che lasciano intendere che non si vuole approvare il Bilancio 2016”

da Antonio Lunghi (Sindaco di Assisi) – “RUMORS” – Il Consiglio Comunale del 29.12.2015 è andato deserto. La mancanza dei consiglieri della minoranza, seppur non condivisibile, è nella logica della politica. Quello che mi risulta non accettabile è la non presenza di due rappresentanti della maggioranza soprattutto del Presidente del Consiglio Patrizia Buini che aveva firmato l’Ordine del Giorno.

Il punto centrale del Consiglio Comunale riguardava la discussione di una serie di Osservazioni presentate al Piano Regolatore parte operativa, riguardanti le frazioni di Torchiagina, Petrignano, Palazzo e Tordibetto.

In questi ultimi mesi ci siamo impegnati in maniera forte per riuscire ad ottenere dalla Regione dell’Umbria il parere conclusivo della VAS, conformemente a quanto previsto dall’art. 28 e dall’art. 240 della  L.R. 1/2015.

L’approvazione del Piano è sicuramente un grande merito di questa Amministrazione Comunale pur nelle difficoltà del momento presente. Non attiene ad un affare per i Padroni del cemento o del vapore, come qualche maligno tiene a sottintendere, ma riguarda la possibilità di poter realizzare un progetto di riqualificazione ambientale dei nostri paesi di cui abbiamo estremo bisogno.

Anche se il mercato immobiliare è piatto, anche se non si trovano facilmente soggetti disposti ad investire, chi ha il coraggio oggi di intraprendere un’iniziativa nel rispetto dei nostri luoghi, deve essere sostenuto dall’Amministrazione Comunale che deve stare al suo fianco.

Il Piano regolatore è atteso da dieci anni e nella sua formulazione è un piano innovativo che recepisce tutte le ultime disposizioni di legge a livello regionale: i giochi della politica andiamo a farli da un’altra parte.

Sento dei rumors che lasciano intendere che non si vuole approvare il Bilancio 2016. Da parte mia sono ben disposto all’introduzione dell’imposta di soggiorno, unica leva necessaria per iniziare a far fare un salto di qualità al “settore dell’accoglienza” che, alla fine del 2015, registra gli stessi arrivi di venti anni orsono, quando in Umbria son aumentati del 30%.

L’imposta di soggiorno non trova, però, pareri favorevoli nei consiglieri di maggioranza e di minoranza e pertanto non verrà introdotta, ma il Bilancio occorre farlo.

Abbiamo degli impegni non derogabili: Il Giubileo straordinario della Miseriscordia, gli 800 anni del Perdono di Assisi, i XXX anni dello Spirito di Assisi, i 500 anni dell’Accademia Properziana del Subasio.

Ma dobbiamo farlo anche per rispettare la parola data. Per il 2016 dobbiamo sostenere con 60.000 euro di contributo l’Associazione Angelana calcio per completare il campo di verde sintetico che è stato realizzato.

Abbiamo assicurato di finanziare il Corso di Laurea in economia del Turismo. Ci siamo impegnati a completare la Piscina comunale di Assisi e a riaprirla per la prossima stagione. E molto altro. Questi impegni non sono stati presi dal sottoscritto, ma da questa maggioranza eletta nel 2011 con a guida Claudio Ricci.

Quindi ritengo estremamente necessario approvare il Piano Regolatore ed il Bilancio 2016. Dopo si andrà alle elezioni e vinca il migliore.

Consiglio deserto

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*