CST vicino al collasso, 7 ricercatori licenziati

da Simone Pettirossi (Capogruppo PD)
Il Centro Italiano di Studi Superiori sul Turismo e sulla Promozione Turistica (CST), fondato nel 1982, è stato per anni un fiore all’occhiello della nostra città. Si è trattato infatti di una delle prime scuole di management per il turismo in Italia e per molto tempo anche di una delle più affermate.
Oggi, invece, il Centro è in grave difficoltà e questa maggioranza si sta dimostrando ancora una volta non all’altezza del compito.

Le notizie che abbiamo appreso sono molto preoccupanti: 7 ricercatori sarebbero stati licenziati, con preavviso di 4 mesi, ricevuto il 31 dicembre 2013. Dal 30 aprile, perciò, sarebbero a casa e non avrebbero più rapporti con il CST.
Si tratta di una cosa molto grave, perché per anni questi studiosi hanno animato l’attività di approfondimento scientifico e di progettazione, la didattica e la ricerca del centro.
Nell’organico, a quanto ci risulta, rimarrebbero 1 ricercatore e 3 amministrativi.

Si tratta, quindi, di un centro studi che praticamente è rimasto senza studiosi…

Per fare chiarezza e per chiedere un impegno immediato al Sindaco e ai suoi assessori, abbiamo presentato un’interpellanza, che speriamo abbia una risposta veloce e non evasiva.

***

Interpellanza

Al Sindaco di Assisi
Ing. Claudio Ricci

Al Segretario comunale
Dott.ssa Claudia Bianchi

Oggetto: Licenziamenti e crisi CST

Il sottoscritto Simone Pettirossi, capogruppo PD,

Essendo venuto a conoscenza dei seguenti fatti:
– che il CST di Assisi è in enorme difficoltà;
– che 7 ricercatori sono stati licenziati con preavviso di 4 mesi del 31 dicembre 2013 e che, perciò, dal 30 aprile 2014 hanno cessato il loro rapporto con l’Ente formativo;
– che ormai il Centro rappresenta una scatola praticamente vuota, dal punto di vista della ricerca, essendo rimasto un solo ricercatore e 3 amministrativi;
– che l’ente ad oggi ha consistenti debiti nei confronti dei ricercatori licenziati, che devono ancora ricevere gli stipendi di gennaio, febbraio, marzo e aprile;

Considerato che il Comune di Assisi è il socio di maggioranza del CST di Assisi;

CHIEDE

– se le notizie siano reali;
– quali siano le ragioni e il percorso che ha potato ad una simile situazione;
– cosa stia facendo l’Amministrazione comunale al riguardo per affrontare questa problematica.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*