Dalle Primavere Arabe al Califfato. Incontro-dibattito ad Assisi

“Dalle primavere arabe al Califfato. La sfida del terrore”. E’ questo il titolo di un incontro-dibattito svoltosi ad Assisi (Sala Conciliazione), al quale hanno partecipato studenti e cittadini.

L’evento, organizzato dall’Ufficio per il Sostegno alle Nazioni Unite del Comune di Assisi, in collaborazione con la Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI) e con il patrocinio dell’Università per Stranieri di Perugia, ha avuto come protagonista un interlocutore privilegiato, il prof. Gianluca Ansalone, esperto di strategia, sicurezza e intelligence.

Giornalista, scrittore e docente universitario, Ansalone è stato nello staff del Presidente Giorgio Napolitano, come membro del Co.Pa.Si.R, il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica.

Nella sua introduzione, il vice-sindaco di Assisi, Antonio Lunghi, ha rimarcato il ruolo dell’Ufficio per il Sostegno alle Nazioni Unite, che annualmente è impegnato nella organizzazione di eventi strettamente legati ai diritti umani: la shoah, la giornata del Ricordo, il corso per insegnanti, la giornata della Terra e altri appuntamenti volti alla informazione e alla riflessione sui temi più scottanti dell’attualità.

Tra questi vi sono, appunto, le dinamiche che muovono la nascita e lo sviluppo dell’ISIS, il movimento guidato dal califfo al-Baghdadi, che dalle terre di Irak e Siria sembra voler espandersi seguendo la strada dell’integralismo e, soprattutto, del terrore.

Lo stesso moderatore del dibattito, Adriano Cioci, ha introdotto alcune tematiche riconducibili al divario tra sunniti e sciiti, ai finanziamenti allo Stato Islamico, ai suoi programmi di conquista.

Gianluca Ansalone, con proverbiale chiarezza, ha in primo luogo illustrato lo scenario geopolitico del vicino e medio oriente, indicando poi anche gli sviluppi che porteranno l’Islam a modificare i propri confini e assetti. Gli argomenti trattati con puntualità e competenza hanno sollecitato una moltitudine di quesiti e di interventi da parte del pubblico.

Un momento di particolare interesse e commozione è stato vissuto durante il collegamento in diretta skype con lo scrittore di origine irakena Younis Tawfik, attualmente residente a Torino, ma nato a Mosul una delle principali roccaforti dell’ISIS.

Qui Tawfik ha ancora la sua famiglia. Lo scrittore si è trasferito in Italia circa 35 anni fa, perché innamorato di Dante e della nostra letteratura. In Italia svolge una intensa attività di giornalista, saggista e narratore. Ha redatto saggi sull’Islam e su Saddam Hussein, e romanzi, come “La straniera” da cui è stato tratto il film. Tawfik ha fornito particolari drammatici sulla situazione in cui versa la sua città natale.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*