Fede e Scienza, tanti stimoli dal convegno di Assisi

ASSISI – Concluso ad Assisi (Sala della Conciliazione del Palazzo comunale) il convegno “Innovazione e ricerca nei sentieri della materia e dello spirito” moderato da Claudio Pace e organizzato da: Il Presidio: centro studi teologico, biblico, pneumatologico; Pro Loco S.Maria degli Angeli, Fondazione Sorella Natura, Passione Bicicletta, Centro studi Mattei. Grande interesse del pubblico per le relazioni del teologo Francesco Bindella, sulle consonanze tra Teologia e Fisica; di Domenico Capodilupo esperto di problemi ambientali e processi siderurgici; di Alberto Carpinteri (sindonologo e ingegnere nucleare) che ha parlato anche dei precursori sismici e della “sindone” come radiografia neutronica avvenuta durante un terremoto, tra il 28 e il 38 d.C.; dell’Ing.Franco Cotana: ambiente ed energia, lo sviluppo sostenibile non è utopia; di Lorena Pesaresi (Pari Opportunità provincia di Perugia): consonanze con l’impegno per assegnare il Nobel per la pace a sostegno dell’istruzione alle donne africane; di Francesco Celani, sul guadagno energetico; di Ubaldo Mastromatteo che ha chiuso parlando del sacerdote e fisico nucleare Don Carlo Borghi.

Il convegno conclude idealmente un ciclo di incontri in cui si è parlato di un passaggio, non ancora avvenuto, ma che potrebbe avvenire molto presto, per ottenere energia dal metallo, che come è noto – vedi il caso dell’acciaio – per essere prodotto richiese molta energia. Un’energia che deve essere prodotta seguendo un’etica che richiede un confronto sui principi di condivisione delle risorse e di rispetto dell’ambiente che non possono essere più messi da parte privilegiando solo il principio del massimo guadagno di pochi. Quindi Assisi, capitale della pace e la pace è strettamente legata alla salvaguardia del creato messo seriamente in pericolo dall’egoismo degli uomini, era la sede ideale del convegno finale che ha riunito in una volta numerosi scienziati provenienti da tutta Italia.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*