Francesco Morini nuovo coordinatore Realtà Popolare

Assisi, Morini: «Perché non bisogna far vincere le sinistre!»

Francesco Morini nuovo coordinatore Realtà Popolare
Questa nomina è un punto di riferimento molto importante ed un passo in avanti

Giampiero Tamburi
Il segretari Nazionale di Realtà Popolare
Francesco Morini è stato nominato Coordinatore di Realtà Popolare per il Comune di Assisi. Una stimatissima persona, sia dal punto di vista morale che sociale, che ha dato sempre prova di una coerenza e dignità, portando avanti, con coraggio e volontà le sue convinzione delle quali noi di Realtà Popolare, siamo lieti di condividere in pieno. Questa nomina è un punto di riferimento molto importante ed un passo in avanti, che si aggiunge al già esistente coordinamento del comune di Corciano con Katiuscia Clemente e con quello di Perugia, con il sottoscritto pro tempore, dove ci accingiamo a portare Realtà Popolare nella Regione Umbria, in modo concreto, a gestire una nuova politica che crediamo sia necessaria a risollevare le sorti di una terra che, fino ad ora è stata sempre cercata e sfruttata, solamente come un bacino dove raccogliere voti, senza mai dare in cambio nulla per il suo miglioramento.

REALTÀ POPOLARE intende dare un senso all’essere parte di una comunità che senza pregiudizi vuole operare per risolvere i problemi che ci affliggono.

Improntare l’azione politica ed amministrativa al rispetto di un codice etico che, in maniera chiara ed esplicita, rifiuti ogni pratica del clientelismo, soprattutto i compromessi con poteri deviati e, contestualmente, rifiuti il voto di elementi appartenenti o contigui alla criminalità organizzata (come purtroppo sta accadendo ora a livello nazionale) e realizzare il pieno riconoscimento della pari dignità sociale tra tutti i soggetti della nostra collettività.

REALTÀ POPOLARE vuole la partecipazione di persone credibili, non ricattabili e coerenti ai principi di una corretta gestione della cosa pubblica, desiderose di un concetto di politica nella sua accezione più nobile.

Ciò da il significato di amministrare il pubblico interesse inteso come uno spazio a cui tutti hanno il diritto e contestualmente il dovere di partecipare per il bene proprio e della comunità. Impegnarsi in politica non è semplice e, se siamo veramente convinti che la pratica della stessa sia la strada per colmare quelle lacune che purtroppo la società ha avuto e sempre avrà, dobbiamo agire con metodo e, soprattutto essere consapevoli dei nostri limiti.

In realtà questo principio può funzionare solo se si ha una rete di sostegno capace di mantenerla in piedi ed essenzialmente questa rete deve contenere: una cultura della politica; il fatto che la politica stessa sia trasparente; che vi sia qualcuno che possa insegnare come usarla. In sostanza la politica è capace indubbiamente a raggiungere determinati obbiettivi, ma è compito di chi la esercita dimostrare di saper intraprendere la strada giusta per poterli realizzare, dimostrando , in primo luogo, l’umiltà della propria posizione, rendendosi capace di, prima di tutto, ascoltare quello che l’esperienza ci può insegnare. In questa ottica auguriamo al nostro amico Morini un proficuo lavoro che, con la sua capacità morale e professionale, saprà portare avanti per il bene della sua Assisi e dei suoi concittadini.

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*