Freddii, Assisi Popolare, Quote rosa: “Rispetto sentenza, ma non condivisione”

ASSISI – A seguito della presentazione dei componenti la nuova Giunta, nell’intervento in Consiglio Comunale del 28 agosto ho evidenziato come solo il rispetto per le Istituzioni, il grande senso di responsabilità nei confronti dei cittadini e la consapevolezza di quali siano le vere priorità di Assisi hanno indotto noi della maggioranza ad accettare la sentenza del Consiglio di Stato che ha ribaltato il verdetto del TAR Umbria ed imposto al Sindaco Ricci la rinomina dei cinque Assessori di cui almeno due di sesso femminile.
Quindi rispetto della sentenza, ma non certamente condivisione. A nessuno è sfuggito che anche in questa occasione i commenti delle opposizioni hanno riguardato esclusivamente le presunte difficoltà che la sentenza avrebbe causato in seno alla maggioranza confermando quanto andiamo sostenendo da tempo, e cioè che in questa vicenda le donne sono state strumentalmente utilizzate dalla minoranza con il solo proposito di mettere in crisi il Sindaco Ricci.

Del resto che del genere femminile all’opposizione assisiate non sia mai importato e non importi nulla è ampiamente dimostrato dalle delibere riguardanti le donne che hanno registrato in aula solo il voto favorevole della maggioranza e della collega Travicelli.

Quello che è ancora più grave è il fatto che, pur di mascherare la pochezza delle proprie proposte e la consapevolezza di non rappresentare una valida alternativa al governo della città, la minoranza non si è fatta scrupolo di rischiare la paralisi dell’azione amministrativa di Assisi. Cosa sarebbe successo se oltre agli Assessori il Consiglio di Stato avesse ritenuto illegittime tutte le delibere della Giunta e del Consiglio Comunale? Bilanci, appalti, pagamenti, pratiche edilizie e quant’altro, tutto azzerato. Sarebbe stato il disastro più totale per le famiglie e le imprese.  Si sarebbe determinata una situazione dalla quale non ci saremmo più risollevati, solo perché l’opposizione, incapace di raggiungere i propri obiettivi con l’attività politica, non ci ha pensato due volte ad intraprendere un’azione giuridica.

Rino Freddii
Capogruppo Per Assisi Popolare
Consiglio Comunale Assisi

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*