Handbike, Girelli dell’Uc Petrignano vola alla Cronoscalata dei Castelli

Handbike

Rocca Sant’Angelo di Assisi (Pg) – Nonostante sia stato vittima di una caduta, Stefano Girelli dell’Uc Petrignano, soprannominato l’Aquila del Catria, ferma il cronometro sul tempo di 8.03.53, vincendo così la Cronoscalata dei Castelli – Trofeo Rocca Sant’Angelo, gara di handbike organizzata a Rocca Sant’Angelo di Assisi dall’Uc Petrignano del presidente Orlando Ranucci, coadiuvata dal Circolo Ricreativo Rocca Sant’Angelo del presidente Luciano Corazzi.

Un percorso di 2,4 chilometri che, con partenza dal castello di San Gregorio e arrivo a quello di Rocca Sant’Angelo, ha portato i ciclisti a immergersi in uno stupendo paesaggio ricco di verde e di scorci affascinanti.

In seconda posizione si è classificato Fatmir Kruezi della ViterSport (8.17.67), in terza Renzo Pieri dell’Uc Petrignano (11.23.62), in quarta Riccardo Lucaccioni dell’Uc Petrignano (13.23.73), in quinta Luigi Costanzo dell’Uc Petrignano (16.06.54), in sesta Giuseppe Murolo della ViterSport (16.45.94) e in settima Sara Valenti del Gc Apre Olmedo (21.46.54).

Alla manifestazione, fortemente voluta da Valter Giombini (responsabile del settore handbike dell’Uc Petrignano), sono intervenuti Fabbrizio Paffarini, presidente del Centro sportivo educativo nazionale Umbria, Carlo Roscini, presidente della Federciclismo umbra, e l’ex corridore Luca Panichi.
Il marchigiano Stefano Girelli, che milita appunto con il team umbro Uc Petrignano, guarda ora all’ultima parte della stagione, durante la quale prenderà parte a diverse gare, tra cui le ultime tappe del Giro d’Italia Handbike, dove lotterà per difendere la maglia rosa della categoria MH4, che indossa ormai da alcune settimane.

«Il mio grazie – commenta Valter Giombini – va agli atleti che hanno partecipato nonostante il grande caldo e poi a tutti gli amici che hanno collaborato a mettere in piedi questa manifestazione qui al mio paese. E’ una gara a cui tengo particolarmente e spero di riuscire a portarla avanti nel corso degli anni. Un arrivederci al 2016».

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*