Laurea in economia del turismo, Bartolini: “Non prendere in giro le persone”

Al solo scopo di non trarre in inganno i Cittadini. Il Sindaco Ricci annuncia sulla stampa, per sviare l’attenzione della cittadinanza sulla perdita dell’Ufficio del Giudice di Pace: “Il Corso di Laurea di Economia sul Turismo chiuso nell’anno accademico 2013-2014 verrà riattivato dal prossimo anno accademico grazie al Comune e al nuovo Rettore”. Ma la verità purtroppo è un’altra. Parlano i documenti scritti e gli atti amministrativi. Le affermazioni di Ricci sono smentite dalla delibera della Giunta Comunale nr. 36, di Febbraio 2014, nella quale si legge che il Dipartimento di Economia dell’Università di Perugia (quindi non il Rettore!) ha comunicato per iscritto che “formerà una Commissione incaricata di proporre un progetto relativo all’attivazione di un Corso di Studio nel campo dell’Economia del Turismo” ad Assisi: niente di concreto dunque, ma solo la promessa di formare una commissione che farà proposte! La stessa espressione “corso di studio” è assolutamente generica e può comprendere le più diverse tipologie di intervento (un master, un seminario, un corso di formazione per gli operatori etc.) e non necessariamente un corso di laurea. Trattasi, quindi, di un pessimo surrogato, concordato con Ricci, che, a fronte di una promessa tanto generica, ha ritirato il ricorso al TAR contro la chiusura del Corso di Laurea. Di certo c’è solo che il Corso di Laurea di Economia sul Turismo, operante nel territorio da oltre 20 anni, è stato chiuso, provocando gravi danni culturali ed economici al territorio: l’ennesimo insuccesso della gestione fallimentare di questa Amministrazione.

A mezzo stampa Ricci promette che il corso di Laurea riaprirà “il prossimo anno accademico”. Tuttavia, rileggendo la delibera della sua stessa Giunta Comunale, il Sindaco pro tempore scoprirebbe, invece, che l’ipotetica ed eventuale “proposta” del Dipartimento di Economia non potrebbe essere attuata prima dell’anno accademico 2015-2016. Per “il prossimo anno accademico”, che inizierà nell’autunno del 2014, non è previsto un bel niente! Con questi argomenti non si scherza: ci sono di mezzo i progetti, le speranze e le aspettative dei nostri giovani e delle loro famiglie. Non possiamo prenderli in giro o disinformarli con le menzogne di un’eterna campagna elettorale.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*