Liliana Cavani, Pettirossi: “Gioia per il conferimento della Cittadinanza Onoraria”

Liliana Cavani, Pettirossi: "Gioia per il conferimento della Cittadinanza Onoraria"

Liliana Cavani, Pettirossi: “Gioia per il conferimento della Cittadinanza Onoraria”
Oggi si conclude questo percorso e siamo davvero felici

da Simone Pettirossi (Capogruppo PD Assisi)
Siamo veramente molto contenti che oggi pomeriggio, venerdì 27 novembre, venga finalmente conferita la Cittadinanza onoraria a Liliana Cavani.

Sono passati 3 anni da quando nel novembre del 2012 avevamo proposto di conferire il riconoscimento a questa prestigiosa regista, che ha dedicato ben tre film alla figura di San Francesco e che ha lavorato con personaggi del calibro di Marcello Mastroianni, Lou Castel, Claudia Cardinale, Mickey Rourke, John Malcovich.

All’inizio del 2014, dopo aver condiviso l’idea in sede di conferenza dei capigruppo, avevamo iniziato i primi contatti con lo staff della Cavani, la quale aveva subito accolto positivamente la cosa.
A febbraio 2015 poi il Consiglio comunale aveva votato in modo “bipartisan” il conferimento della cittadinanza.

Oggi si conclude questo percorso e siamo davvero felici di accogliere ad Assisi una protagonista del cinema italiano e internazionale come Liliana Cavani, che ringraziamo di cuore.

I suoi film sul nostro concittadino più famoso hanno creato infatti un legame indissolubile con la nostra città.

In particolare la prima pellicola, “Francesco d’Assisi”, del 1966, a distanza di quasi 50 anni rappresenta un vero e proprio “documento” storico e antropologico che ci ridona emozionanti immagini di luoghi, spazi e persone della nostra comunità di un tempo ormai passato.

Il film fu infatti girato in gran parte nel nostro territorio e coinvolse molte comparse e attori locali, dal perugino Giampiero Frondini (che interpreta Pietro Cattani) agli assisani Giuseppe Campodifiori (interpreta Fra Giovanni) che nella vita è un elettricista o Riccardo Bernardini (interpreta Fra Silvestro) che è un artigiano.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*