Lo straordinario episcopato di monsignor Placido Nicolini

ASSISI  – Sarà presentato dal direttore del quotidiano Avvenire Marco Tarquinio venerdì 5 dicembre alle ore 16 nella sala della Conciliazione del Comune di Assisi il libro del professor Francesco Santucci dal titolo: “Da Trento ad Assisi, Giuseppe Placido Nicolini, vescovo della città serafica”. Monsignor Nicolini, originario di Villazzano in provincia di Trento e vescovo di Assisi dal 1928 al 1973, è rimasto nel cuore della gente per la sua infinita generosità, per gli importanti atti che ha sostenuto come la proclamazione di San Francesco patrono d’Italia o l’accoglienza della Pro Civitate Christiana ad Assisi e la carità che ha dimostrato verso tutti come le migliaia di sfollati che arrivarono nella città serafica nella seconda guerra mondiale.

Tutta la sua vita, con immagini e testimonianze inedite sono state raccolte in questo libro della Cittadella Editrice, voluto dalla diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino con il  sostegno economico di quella di Trento e l’interessamento di monsignor Luigi Bressan.  “Nei documenti che ho ritrovato emerge con evidenza – sottolinea l’autore – la straordinarietà di un vero pastore, buono, sereno di grande carità verso tutti. Basti pensare all’accoglienza che seppe offrire alle centinaia di sfollati, provenienti dalle città bombardate durante la seconda Guerra mondiale, tra cui moltissimi ebrei che vennero nascosti anche in Vescovado”: Per questa opera di soccorso monsignor Nicolini è stato riconosciuto Giusto fra le Nazioni dallo Stato di Israele.  Durante il suo episcopato si svolsero in Assisi il XIII congresso eucaristico nazionale del 1951 e la visita di Papa Giovanni XXIII del 1962 che portano Assisi alla ribalta nazionale e non solo. Nel corso della presentazione, a cui prenderanno parte il vescovo di Assisi monsignor Domenico Sorrentino, il sindaco Claudio Ricci e una delegazione di Trento, il professor Santucci porterà a conoscenza dei presenti alcuni documenti di straordinaria importanza mai resi noti prima.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*