Mostra di Ivo Batocco alla Porziuncola, “La rotta della Speranza” ad Assisi

“Quasi ogni giorno la televisione e i giornali danno notizie di profughi che fuggono dalla fame, dalla guerra, da altri pericoli gravi, alla ricerca di sicurezza e di una vita dignitosa per sé e per le proprie famiglie. In terre lontane, anche quando trovano lavoro, non sempre i profughi e gli immigrati incontrano accoglienza vera, rispetto, apprezzamento dei valori di cui sono portatori. Le loro legittime aspettative si scontrano con situazioni complesse e difficoltà che sembrano a volte insuperabili”.

Sono alcune delle parole, tra le tante, che il Santo Padre, Papa Francesco, ha riservato al fenomeno sempre più emergente e drammatico della migrazione umana. Il Museo della Porziuncola ha desiderato raccogliere queste parole e cercato di rimarcarle attraverso la peculiarità dell’arte di esprimere, provocare, interrogare. Una lettura artistica del drammatico percorso vissuto dai nostri migranti in passato e che ora, in misura se possibile maggiore, vivono milioni di persone. La mostra verrà inaugurata sabato prossimo, 13 settembre, alle ore 11.00, presso Galleria del Conventino del Museo della Porziuncola. Sarà intitolata “Ivo Batocco. La Rotta della Speranza”. L’artistaIvo Batocco, in modo particolarmente struggente coinvolge lo spettatore e cerca di fargli ripercorre i passi di coloro che vivono e hanno vissuto questa tragedia, e non solo, si prefigge il compito di suggerire a ciascuno che in realtà ogni uomo è migrante, radicalmente pellegrino e questuante di senso e vita, lo fa attraverso l’intensa evocazione dell’attesa, del viaggio, della nostalgia.

La mostra, a cura di Alberto Mazzacchera e Saul Tambini, è allestita presso il Museo della Porziuncola in Assisi e si svolgerà dal 13 settembre al 16 novembre 2014. Con la co-promozione della Curia Generale Frati Minori (OFM)  e del Museo dell’Emigrante Repubblica di San Marino. Hanno patrocinato l’iniziativa il Ministero degli Affari Esteri, laSegreteria di Stato per gli Affari Esteri e Politici- RSM, e il Museo Nazionale Emigrazione Italiana.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*